sabato 10 aprile 2010

Parco Tematico e Museo dell'Aviazione Rimini

Oggi voglio raccontarvi di una delle mie passioni di tantissimi anni fa, parliamo degli anni tra il 1985 e il 1997 circa. In quegli anni adoravo sentire il rombo dei jet militari. A Rimini c'era ancora l'Aeroporto Militare, accanto a quello civile e si vedevano ancora gli storici F-104 Starfighter solcare i cieli riminesi. In quegli anni ho letto riviste specializzate e libri, ho visitato mostre, musei e tanti aeroporti militari insieme a gruppi di appassionati di aeronautica, (VMAS e Club Diavoli Rossi).
Ho visitato gli aeroporti militari di Cervia, Ghedi, Piacenza, Rimini la base di Sarzana, ….sono stata due volte ad Aviano per assistere ad un open-day e ad un Air Show a cui partecipavano anche i Thunderbirds, (pattuglia acrobatica americana), oltre a tante altre pattuglie acrobatiche di vari Paesi. Credo di aver visto le nostre Frecce Tricolori spargere funo colorato nei cieli tantissime volte, e sono stata in Svizzera a visitare un aeroporto ed un museo, al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano per visionare una mostra sugli aerei.
Proprio in quegli anni sulle colline di Rimini, precisamente sulla Superstrada per San Marino, hanno iniziato a comparire degli aerei militari, ancora non lo sapevo ma stava sorgendo il Museo dell’Aviazione di Rimini.
Qui sopra una fotografia scattata nel settembre del 1993 con la mia reflex analogica Yashica che ormai ho messo in pensione per una misera compatta digitale. La fotografia è un'altra delle mie passioni e prima o poi comprerò una reflex digitale, appena finiti di scrivere questo post vado a giocare al superenalotto! :-)
Posso dire realmente di aver visto crescere questo Museo, aereo dopo aereo, visita dopo visita e sono stata felice di sapere che che il 9 dicembre 2008 con delibera della Giunta Provinciale il Museo dell’Aviazione sia stato riconosciuto dalla provincia di Rimini come Museo importante e di interesse pubblico.
Ci tengo a precisare che il Parco Tematico dell’Aviazione è una struttura privata che copre circa 100.000 mq con oltre 50 velivoli esposti all’aperto oltre a vari reperti storici conservati nella struttura chiusa.
Amministratore Unico del parco è il Com.te Gianfranco Casolari, esperto di numismatica e autore di diversi libri. Si tratta di un Museo privato molto grande, anzi il più grande in Europa tra quelli privati dedicati all'Aviazione. Non è sovvenzionato dal comune, provincia o dallo stato per cui ogni singolo aereo è stato acquistato dal Museo che si è accollato il trasporto ed eventuali problemi relativi a dogane. Alcuni aerei sono stati donati al Museo così come le divise e altro materiale. Le difficoltà, di vario genere, non hanno frenato l'amore per l'Aeronautica ed anno dopo anno il Museo si è ingrandito e arricchito.
Lo scorso anno ho donato al Museo la mia piccola collezione di riviste dal 1985 in avanti oltre ad alcune foto e cartoline acquistate durante le mie visite alle basi militari italiane.
Non mi sono sbarazzata di tutto il materiale aeronautico, ho conservato centinaia di fotografie, libri, spillette e patch dei vari reparti italiani, in ricordo delle mie visite ai vari aeroporti.
Mi è venuto in mente di parlarvi di questo Museo per due motivi: il primo è che ho promesso di raccontarvi di posti particolari della Romagna e l'altro è che proprio sul quotidiano La Voce di oggi, 10/04/2010 c'è un articolo dedicato al Parco dell'Aviazione. In particolar modo si tratta di una disputa tra il Museo e la Provincia di Rimini che non vuole concedere il condono per il Bar all'interno del Parco Tematico, (questa è la seconda o terza disputa tra Rimini e il Museo Aviazione). Io non so se ci siano dei motivi particolari ma ho solo una cosa da scrivere, Rimini è la mia città e non posso parlarne troppo male però: le strade sono assolutamente inadeguate, i posti negli asili non sono sufficienti, non ci sono spazi per i bambini e i monumenti e il centro storico non sono in buono stato. Per ultimo faccio presente che nel 1989 sono stati ritrovati nel centro storico degli importantissimi ed antichi reperti storici che i riminesi hanno potuto vedere verso la fine del 2007 perchè tanto ci è voluto per recuperarli e costruire una struttura adeguata a conservarli, (Domus del chirurgo). Un privato decide di aprire al pubblico un Parco Tematico che ospita una collezione di velivoli di grande importanza e gli si mette i bastoni tra le ruote!
Ma non voglio scrivere altro perchè non so i dettagli di queste vicende, vorrei solo che la faccenda si risolvesse per il meglio perchè questo Museo mi è molto caro e ogni anno molte persone arrivano da ogni parte d'Italia per vederlo. Nel 2009 sono state 16/17.000 le persone che lo hanno visitato.
Percorrendo la Superstrada San Marino in direzione San Marino-Rimini sulla sinistra noterete una collina terrazzata su cui sono adagiati tanti aerei. Oggi il parco è davvero ben strutturato, con vialetti, illuminazione e accesso anche ai disabili. Chi è interessato alla visita può consultare gli orari sul sito: Museo Aviazione Rimini
Il Parco tematico dell’Aviazione è stato innaugurato il 2 Aprile 1995 ma come scrivevo sopra gli aerei hanno iniziato ad essere posizionati in loco già prima di tale data. Circa una metà degli aerei esposti è di origine sovietica e già per questo motivo vale la pena di visitare questo museo, visto che non avrete la possibilità di vedere da vicino così tanti aerei dell'Est Europa in altri musei.
Potrete anche imbattervi in mezzi corazzati, elicotteri e postazioni radar.
La guida del museo risponderà a tutte le vostre domande e all’interno della struttura potrete invece visionare medaglie, divise, modellini e tanti oggetti a tema aeronautico.
Nelle foto potete vedere alcuni velivoli, le prime cinque immagini, (compreso l'articolo "Nascita del Museo"), sono state scattate i primi anni dopo l’apertura del Museo mentre le successive le ho scattate lo scorso anno durante una visita con il Topastro e suo papà.
Questa foto qua sopra qualcuno l'ha mai vista? E' proprio da questa foto che ho ritagliato l'immagine per il mio profilo.
Ancora oggi continuo a ricevere la rivista: Sulle ali della storia. Una piccola ma ricca rivista con tanti articoli interessanti che riguardano la storia, racconti, (tra cui "Come diventai pilota militare" di G. Casolari, a puntate), novità che riguardano il museo, recensioni di libri a tema aeronautico, storia degli aerei presenti al museo e parecchio altro. Nelle ultime pagine le fotografie di gruppi in visita al museo: turisti, studenti, club frecce tricolori, ex militari...
Voglio anche segnalare che al Museo si svolgono incontri a tema aeronautico, cerimonie, giornata dell' aeromodellismo e iniziative che vengono segnalate di volta in volta. Ogni anno viene celebrato l'anniversario della tragedia di Ramstein, (al Museo è presente un monumento realizzato dallo Stato Maggiore dell'Aeronautica in ricordo del giorno in cui tre delle Frecce Tricolori si scontrarono durante un'esibizione) e il raduno storico "La linea gialla Rimini-San Marino 1944".
Tantissimi anni addietro era in corso l’iniziativa giovedì ingresso gratuito la sera. Serata in cui era possibile visitare il museo di sera e partecipare sempre gratuitamente all’estrazione di premi. Durante una di queste serate ho vinto un libro e il mio amico un giro in elicottero. Infatti proprio quell’estate il Museo aveva a disposizione un piccolo elicottero con il quale si poteva fare un bellissimo giretto ed ammirare dall’alto il paesaggio tra Rimini e San Marino.
Allora vi piace il Museo dell'Aviazione?
Il Parco Tematico dell’Aviazione si trova in località Rimini sulla Superstrada per San Marino al km 8.500. E’ dotato di parcheggio e all'interno delle struttura c'è anche un negozietto presso il quale è possibile acquistare cartoline, cappellini ed altri gadget aeronautici.
In un commento mi è stato fatto notare un riconoscimento ricevuto dal Museo.
Tratto dal sito http://www.museoaviazione.com/
"Dalla Regione Emilia-Romagna è stato riconosciuto al Museo dell’Aviazione di Rimini lo status di Museo di Qualità. Con una cerimonia svoltasi a Bologna all’Auditorium della Regione il 24 febbraio 2010 sono stati festeggiati i musei della regione che si sono mostrati in possesso di un articolato insieme di requisiti".

10 commenti:

  1. mi hai messo una gran curiosità!!! tanto prima o poi dalle tue parti finiamo.. ;) Buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Bello! Anche dalle mie parti c'è un parco privato del genere, ma dedicato a tutti i mezzi a motore... l'ho visitato da fidanzata e appena Letizia crescerà un po' di certo ci torneremo!

    RispondiElimina
  3. Noi stiamo prendendo nota di tutto...
    così la prima volta che passiamo dalle vostre parti sappiamo dove andare a colpo sicuro :-)
    Grazie dell dritte

    RispondiElimina
  4. Brava Claudia, bel servizio. Sono stato da poco al Museo di Rimini e devo dire che ne esco sempre entusiasta. Se ti va puoi vedere qualche foto aeronautica sul mio sito www.alatricolore.it. Yuri

    RispondiElimina
  5. Ciao Yuri, ho dato un'occhiata al tuo sito, davvero belle le foto!

    RispondiElimina
  6. Grazie grazie ;-) eheh. Se hai bisogno di info su altri musei o manifestazioni che potresti visitare chiedi pure, l'e-mail è sul sito.

    RispondiElimina
  7. Ciao, comunque da quello che so il parco/museo è stato promosso a museo di qualità da parte dell'istituto beni culturali dell'emilia romagna, quindi un buon segno.

    RispondiElimina
  8. Grazie Anonimo! Sono contenta, io sono particolarmente legata a questo museo!

    RispondiElimina
  9. Ho visitato il museo due volte negli anni '90. Alcuni anni fa mio marito è tornato con nostro figlio che era molto piccolo. A quell'epoca il bar era aperto. In questi giorni ho contattato il museo perchè mi piacerebbe organizzare lì il compleanno di mio figlio, appassionato di aerei come tutti i maschi, credo, e proprio oggi mi hanno detto che il bar è chiuso da tre anni e questo forse mi complica un po' l'organizzazione. Ci domandavamo il perchè, mio marito e mio figlio ricordano bene di aver mangiato lì una piada durante quella giornata "fra uomini" molto bella. Ora, leggendo questo tuo post scopro il motivo. Non faccio commenti personali, quanto detto da te in proposito esprime molto bene anche il mio pensiero. Ciao e complimenti per il tuo blog, che avevo visitato con piacere già in passato, e che ho rivisto volentieri. Catia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Catia, questo mio post risale a due anni fa e mi dispiace venire a conoscenza grazie al tuo commento che il bar è stato chiuso definitivamente. Un vero peccato perchè il Museo è davvero particolare e unico. Io non ci vado da quando ho scritto questo post perchè in passato ci sono stata tantissime volte e ho dei bellissimi ricordi. Magari in primavera ci torno con mio figlio! Grazie per essere passata di qui.

      Elimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.