domenica 14 dicembre 2014

2Cellos

Ieri sera sono stata al concerto dei 2Cellos a Bologna! Bello, bello, bello! Un magnifico spettacolo di bravura e simpatia. Scoperti grazie ad Angela diversi mesi fa e proprio con lei, suo figlio e una sua amica sono andata al concerto, (grazie per le immagini Isabella!)
Se non li conoscete cercateli sul loro canale YouTube, 2CELLOSlive sono veramente un pochino matti ma spettacolari!










mercoledì 3 dicembre 2014

3 dicembre giornata internazionale delle persone con disabilità.

3 dicembre. Giornata internazionale delle persone con disabilità. 
Cosa potete fare oggi? Informatevi, donate, aiutate, riflettete! Perché è preferibile usare il termine "persone con disabilità" al posto di "disabile"? Perché prima di tutto sono persone, come me e te, persone buone, cattive, intelligenti, poco perspicaci, ironiche, antipatiche, sportive... PERSONE. Persone che a volte vale la pena di conoscere, persone di cui NON SI DEVE AVER PAURA. Nel mio piccolo vi consiglio un libro, uno dei tanti libri per l'infanzia dedicati al tema della disabilità. Scelgo questo perché è scritto da una cara amica, illustrato da una persona che realizza capolavori, pubblicato da una casa editrice per cui lavora un'amica ma anche e soprattutto perché è un libro dalla storia semplice, un libro che fa riflettere, un libro che amo! NOI scritto da Elisa Mazzoli e illustrato da Sonia MariaLuce Possentini, edito da Bacchilega.
"Nel cortile della scuola i bambini giocano, parlano, fanno merenda. In disparte, sempre da solo a scavare buche, c’è quello strano bambino con un occhio enorme, che nessuno avvicina mai. Tutti lo chiamano Occhione. Un pomeriggio in cui i genitori devono andare alla riunione con gli insegnanti, Filippo rimane a giocare nel cortile e si accorge di essere da solo con Occhione. Pieno di paura e di diffidenza, si avvicina e lo conosce. Scopre che anche Occhione ha un nome, si chiama Filippo, proprio come lui, e che non è affatto cattivo e nemmeno ignorante. Filippo-Occhione racconta a Filippo il suo segreto. Nasce un’amicizia nuova, inaspettata, una speranza per il futuro."
 Testo tratto da qui: Il Mosaico
Se vi interessano altri libri sul tema della disabilità, magari per scoprire qualcosa di più o per avere uno spunto per parlare di diversità e unicità con i vostri bambini date un'occhiata a questo elenco di post, libri e film: Diversità - Unicità. Se volete un suggerimento, oltre a NOI, io amo tanto: 
Nel paese delle pulcette per bambini dai 3 anni
La cosa più importante per bambini dai 3 anni
Effetto Christian per bambini dai 6 anni
Lo zaino di Emma per adulti
Vi lascio anche l'immagine di un articolo pubblicato sulla rivista "Io e il mio bambino" di dicembre dove si parla di bambini con disabilità e diritto al gioco. 

mercoledì 26 novembre 2014

Dinosauri in Valmarecchia

Domenica pomeriggio siamo stati a Poggio Torriana a vedere i dinosauri, in particolare una esposizione itinerante. Avevo sentito parlare di questo parco in cui erano esposti i dinosauri a grandezza naturale ma non avevo pensato fosse un posto così divertente da portarci Topastro fino a quando un'amica ci ha inviato ad andare a vedere insieme i dinosauri.
La cosa che mi è piaciuta di più, e credo anche a Samuele, è stata la visita guidata. Unica pecca la troppa gente, domenica pomeriggio c'erano davvero tantissime famiglie al parco e nonostante gli spazi fossero ampi era difficile stare vicino alla guida per ascoltare bene quello che diceva. Altra pecca la velocità della visita guidata che, credo sia durata poco meno di un'ora ma è stata effettuata con parecchia fretta. I bambini erano tutti molto attenti, curiosi e avevano mille domande ma credo che il ragazzo che ha effettuato la visita non avesse abbastanza tempo per rispondere a tutti.
Un vero peccato perché raramente mi è capitato di vedere bambini così tanto entusiasti, preparati e interessati. Erano tutti con le mani alzate per dire: io lo so come si chiama questo dinosauro, chiedilo a me cosa mangia, io lo so in che periodo è vissuto, a cosa serviva la coda... Anche Samuele si è divertito molto e dopo un iniziale rifiuto, (lui è bastian contrario), "io al visita guidata non la voglio fare", correva dietro alla guida come un capretto ed ha ascoltato con attenzione ogni spiegazione.
Voi lo sapevate che il Brontosauro in realtà si chiama Apatosauro? Inizialmente furono scoperti dei resti a cui fu dato nome Apatosauro e successivamente resti simili che furono però attribuiti ad un animale diverso a cui fu dato nome di Brontosauro. Dopo tanti anni si scoprì che i resti erano della medesima specie e fu scelto come nome ufficiale quello attribuito per primo.
E lo sapete che i dinosauri avevano un cervello piccolissimo? O che le placche sul dorso dello Stegosauro, (lucertola tetto), servivano per la termoregolazione corporea? Insomma è un posto davvero carino dove trascorrere qualche ora insieme ai bambini e scoprire tante cose interessanti su questi strani e famosi giganti preistorici. Nel parco è presente una sabbiera dove i bambini possono scavare e all'ingresso viene consegnato un questionario con domande sui dinosauri da consegnare compilato per ricevere il poster World of Dinosaurs in regalo.
La mostra rimarrà aperta a Poggio Torriano dal  18 ottobre 2014 al 1 marzo 2015 presso il "Parco della Cava" in via Guado Marecchia nei giorni di sabato, domenica e festivi dalle ore 9:00 alle ore 17:00 con apertura straordinaria tutti i giorni dal 25 dicembre al 6 gennaio http://www.dinoworld.it
Dopo la visita al parco dei dinosauri vi consiglio di leggere, insieme ai bimbi Anche i dinosauri facevano la cacca uno spassosissimo libro in cui sono riportate tante informazioni curiose e divertente sui dinosauri.
Se invece abitate troppo a nord per visitare questa mostra itinerante non perdetevi una bella giornata al Museo delle Scienze di Trento dove oltre ai fossili di dinosauro troverete tante altre cose belle da scoprire, toccare e provare con i vostri bambini: gita al MuSe.

domenica 23 novembre 2014

Torta verde

La mia amica mi ha dato una ricetta di una torta che, secondo lei, è buonissima. Quando ho letto gli ingredienti ho pensato: lo sciroppo alla menta nell'impasto della torta? Però ero curiosa e ho provato. BUONISSIMA DAVVERO!
Vi lascio la ricetta con le variazioni che ho fatto. Nella ricetta orgininale c'era l'olio di semi ma io ho scelto di usare il burro e siccome avevo pochissima farina ne ho usata un po' "0" e un po' di farro.
1 vasetto di yogurt al cocco (125 gr)
2 vasetti di farina "0"
1 vasetto di farina di farro
1 vasetto di burro fuso
2 vasetti di zucchero
4 cucchiai di cocco grattugiato
1 vasetto di sciroppo di menta (quello che si usa per le granite)
1 bustina lievito per dolci
3 uova

Io di pazienza ne ho poca quindi ho messo gli ingredienti tutti insieme in una scodella senza alcun ordine  ma voi se volete potete seguire l'ordine classico che si usa per tutte le ciambelle e torte.
La ricetta riportava come istruzioni di cottura: stampo da 28 cm. in forno a 160 gradi per 30 minuti. Il mio forno non cuoce bene e ho dovuto cuocere molto più a lungo. Una volta sfornata la ciambella verde spalmatela con Nutella o crema alla nocciola e poi spolverate con cocco grattugiato.
Buona merenda o buona colazione!

giovedì 20 novembre 2014

Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza

Il 20 novembre 1989 a New York l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia. La Convenzione altro non è che un accordo, un patto. Composta da 54 articoli in cui sono elencati i diritti fondamentali che devono essere riconosciuti e garantiti a tutti i bambini e a tutte le bambine del mondo. Gli Stati che riconoscono questa Convenzione sono 193. In Italia l'approvazione della Convenzione è avvenuta il 27/05/1991 con la legge n. 176.
Sempre in Italia, nel 2011, compare la figura del Garante per l'infanzia e l'adolescenza che è un organo autonomo e indipendente con il compito di assicurare l'attuazione e la tutela dei diritti e degli interessi dei minorenni in conformità alla Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia. 
I bambini hanno diritto ad avere un nome, una cittadinanza, ad avere contatti con entrambi i genitori, protezione e assistenza umanitaria come rifugiato, a cure adeguate in caso di necessità, a ricevere un'educazione, (scuola), diritto al riposo, diritto al gioco, protezione contro lo sfruttamento economico e sfruttamento sessuale, ...
Oggi è il 20 Novembre si celebra la Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.
In questa giornata vorrei ricordarvi che i nostri bambini hanno dei diritti e che non tutti, purtroppo, possono farli valere in maniera semplice. Ci sono bambini stranieri, rifugiati in Italia, a cui non è garantita una vita dignitosa, ci sono bambini malati che purtroppo non possono beneficiare di una cura, ci sono bambini che vorrebbero andare al parco gioco per trascorrere qualche ora con i propri amici ma le barriere architettoniche glielo impediscono.
In questa giornata possiamo fare un piccolissimo gesto per aiutare un bambino in mille modi diversi, io ve ne suggerisco alcuni partendo da quello che mi riguarda personalmente:

- Invitate gli amici a cliccare Mi Piace sulla pagina facebook Parchi con giochi accessibili per tutti i bambini. Aiuterete tante persone a conoscere i parchi giochi inclusivi, parchi dove tutti i bambini, normodotati e disabili, possono giocare insieme! Scrivete all'amministrazione comunale della vostra città e chiedete che nei parchi siano installati giochi fruibili da tutti i bambini! Trovate tutte le informazioni utili sul blog Parchi per tutti.

- Se abitate a Livorno o dintorni seguite gli eventi dei Camminatori Folli. Stanno organizzando passeggiate, proiezioni di film, serate di ballo e altro ancora per finanziare il progetto "parco inclusivo" a Livorno. Se abitate lontano potete comunque fare una piccola donazione o acquistare un loro gadget, io vi consiglio il loro ultimo film "Lapponia"

- Sostenete Dynamo Camp con una piccola donazione. L'Associazione gestisce una struttura italiana di Terapia Ricreativa pensata per ospitare minori le cui vite sono compromesse dalla malattia, per attività ludiche e sportive e un’esperienza di svago, divertimento, relazione e socialità in un ambiente naturale e protetto. 

- Per Natale scegliete
regali solidali che possano aiutare i bambini come ad esempio palline, biglietti, candele e pergamene di Famiglie SMA: associazione di genitori con bambini affetti da atrofia muscolare spinale che accoglie  e sostenere i nuovi genitori, migliora l’assistenza dei bambini attraverso una migliore informazione e formazione delle famiglie e degli operatori sanitari, finanzia la ricerca per trovare una cura per la SMA


- Volete migliorare la vita di un bambino utilizzando le parole? Allora potete scaricare dal sito COORDOWN il vademecum Cosa dire e cosa non dire riguardo alla sindrome di Down e già che ci siamo vi consiglio un bel libro: Lo zaino di Emma.



Secondo voi quante altre cose si possono fare durante la Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza? A me piacerebbe portare mio figlio in biblioteca e leggere un bel libro insieme a lui ma purtroppo sono a casa con l'influenza. Forse prepareremo i biscotti per la colazione di domani