domenica 1 maggio 2011

Crostata con ricotta pinoli uvetta

Ieri mattina io e Topastro abbiamo fatto spesa e ho comprato la ricotta di mucca, volevo preparare la pasta imbottita che a me piace tanto. Potete trovare la ricetta sul sito Hemma Ikea insieme alle foto di Topastro che lavora in cucina: Con le mani in pasta. Topastro però mi ha detto che lui la pasta imbottita non la voleva e così ho proposto di usare la ricotta per fare una torta. La sua risposta è stata: SI!
Ho cercato qualche ricetta di dolci con la ricotta e ce ne sono davvero tante. Io ho scelto questa:
Per la base: 350 gr farina - 120 gr zucchero (la ricetta originale era con zucchero a velo ma io ne avevo poco) 110 gr olio semi di arachidi (la ricetta originale prevedeva 150 gr di burro ma quello nel mio frigorifero era scaduto...) - 2 uova - scorza di limone grattugiato - un pochino di lievito (nella ricetta orinale non c'era lievito).
Per il ripieno: 220 gr ricotta di mucca (250 nella ricetta originale) - 3 uova - 100 gr zucchero - 40 gr farina - vanillina - scorza di limone grattugiata - 30 gr pinoli. Anche qui ho cambiato qualche ingrediente perchè avevo solo 220 gr di ricotta, la bilancia ha deciso di non funzionare più proprio mentre pesavo gli ingredienti del ripieno e quindi non sono sicura di aver messo la giusta dose di zucchero e farina... Ho messo circa 30 gr di pinoli invece di 40 come da ricetta originale ed ho aggiunto 40 gr circa di uva sultanina. Visto il gran pasticcio con gli ingredienti pensavo che il mio dolce sarebbe stato un disastro, anche perchè non è finita qui. Ho impastato gli ingredienti per la base e ho messo a riposare in frigorifero.
Intanto ho preparato gli ingredienti per il ripieno e quando ho aperto il mobile per cercare una tortiera... non c'era! E i contenitori di allumio usa e getta? Finiti! Insieme a Topastro sono andata al supermercato vicino a casa e abbiamo comprato dei contenitori in alluminio. Ho preso l'impasto dal frigorifero e ho iniziato a stenderlo con il mattarello... Niente... forse per via dell'olio al posto del burro? Insomma l'impasto si rompeva tutto, impossibile usare il mattarello. Ho usato le mani e pezzetto per pezzetto ho letteralmente foderato il contenitore di alluminio premento con le mani pezzetti di impasto! Ho messo il ripieno al centro e ho rinunciato a creare striscioline o decorazioni sopra la torta. Ho infornato a 170 gradi per 45 minuti e poi ho spolverato con zucchero a velo. Buona! Nonostante il cambio di ingredienti e inconvenienti vari, il risultato è stato sorprendente, la base non era troppo dura e il ripieno davvero gustoso  :-)

12 commenti:

  1. provarò a farla in effetti la pasta frolla con l'olio non l'avevo mai snetita ;-)
    per la rpossima volta ti conviene farla il giorno prima conservarla in frigo in carata pellicola e poi và manipolata pochissimo perchè più si scalda e più è intrattabile e rischi che diventi dura comunque come primo esperimento ben fatto !

    RispondiElimina
  2. Si, infatti credo fosse necessario il burro, che forse in frigorifero si indurisce e rende l'impasto omogeneo, il mio era sbriciolosissimo :-)

    RispondiElimina
  3. Beh, tra gli ingredienti di questa crostata hai aggiunto anche il fattore dell'imprevisto....Succede anche a me a volte di iniziare a fare delle ricette e accorgermi, cammin facendo, che mi mancano attrezzi o qualche ingrediente e così invento delle varianti. In genere però seguo le ricette molto fedelmente, perchè in cucina non mi sento così disinvolta. L'importante però è che la tua crostata, alla fine, sia venuta buona e poi... com'è gustosa la ricotta, io la amo veramente in tutti i modi!

    RispondiElimina
  4. @Ninfa: molti imprevisti! A me invece in cucina piace variare un po' le ricette ma ti confesso che poi mi capita pure di buttare tutto nel bidone :-)

    RispondiElimina
  5. ciao,
    bello improvvisare, io lo faccio sempre!
    Con l'olio le frolle vengono benissimo, volendo si possono togliere anche le uova, lo sapete? ;-)
    Vi congilio però quello di girasole o di riso, più leggeri, meno marcato il sapore... ciao

    RispondiElimina
  6. @Cì: io pensavo che la mia frolla fosse così strana a causa dell'olio, ma se tu dici che sarebbe dovuta venire bene... La mia con il mattarello non si stendeva proprio! Forse però potrei aver messo troppo olio...
    A me il sapore dell'uovo piace :-) Ma se lo togli, lo sostituisci con altro? Grazie per i consigli sul tipo di olio.

    RispondiElimina
  7. Se posso linkare una mia ricetta (se no elimina tranquillamente il commento :-) )
    http://ilmondodici.blogspot.com/2011/02/biscotti-cuoricini-leggeri-per-un-dolce.html

    :-) provala e poi dimmi che ne pensi...

    Io vado verso una cucina completamente priva di derivati animali. Uso rarissimante uova (di un contadino vicino a mia cognata o bio) ormai cucino tutto senza da mesi e ti assicuro non cambia e il gusto è ottimo. Nel mio caso c'è anche l'esigenza di fare dolci sani e leggeri, oltre che etici, per cui cucino così come vedere "da me", guarda anche le crepes che ho pubblicato sabato sono senza uova e vengono benissimo.

    Qaundo tolgo un uovo lo sostituisco con 40-50cc di qualcosa di liquido (latte di cereali, succo o frullato di frutta o verdura, carota p.e.). In realtà io non seguo quasi mai le ricette altrui, per cui è annni che vado a "occhio" o invento di sana pianta (come questa che ti ho linkato).

    Bisogna fare attenzione all'equilibrio solido liquido, ma il quale liquidi e quali solidi usi fa differenza (farine a porosità diverse, tipo di zucchero che usi o in sostituzione sciroppo di agave o malti). Un piccolo periodo di rodaggio e poi tutto viene a meraviglia!
    Bisogna badare come parametro alla viscosità/elasticità richieste per quella preparazione.
    La frolla deve essere sufficientemente elastica per essere stesa ma non troppo o viene gommosa... ;-) Prova la mia se vuoi e dimmi... ciao!

    RispondiElimina
  8. Grazie Cì per aver linkato i tuoi biscotti! Io non compro quasi mai ingredienti come farina di riso o di mais, latte e olio di riso... quindi non so se mi capiterà di provare a farli. Io e Topastro mangiamo carne, lui poca ma perchè non gli piace, uova e altri cibi di provenienza animale. Però mi ricorderò dei tuoi consigli se dovessi rimanere senza uova o altri ingredienti e dovessi sostituirli con qualcosa di diverso :-)

    RispondiElimina
  9. Ho giusto un chilo di ricotta freschissima che mi hanno portato oggi: domani provo la tua ricetta.

    RispondiElimina
  10. Sandra, con un chilo di ricotta fai la torta per tutte le persone che abitano nel condominio :-)

    RispondiElimina
  11. questa te la rubo ... sìsì! ; )

    RispondiElimina
  12. @biancifiore: ruba pure! Era davvero buona, non è rimasta neppure una briciola :-)

    RispondiElimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.