giovedì 18 agosto 2011

I gettoni del Topastro bravo

In questo ultimo periodo Topastro è spesso testardo, decide tutto lui e vuole comandare. Vuol fare solo quello che gli piace, ha energia da vendere se si tratta di giocare e cade improvvisamente a terra privo di forze se deve spogliarsi per fare il bagno. E' una gran faticaccia! Io ci provo ad essere comprensiva, ad abbracciarlo tanto e a fargli le coccole, spiegargli che alcuni comportamenti non sono tollerati, (tra l'altro ha appena iniziato a dire qualche parolaccia, sigh!)
Niente..., ci sono giornate in cui non c'è proprio nulla da fare e se gli dico che è ora di pranzo, che bisogna fare il riposino, il bagno, mettere in ordine i giocattoli... Beh piuttosto che fare quello che gli ho chiesto rinuncia a cartoni animati, giocattoli, si mette pure in castigo da solo! Seduto in camera sua per cinque minuti. Ho provato a lasciare scegliere lui: vuoi fare questo o quello, spiegazioni, convincimenti... macchè, è un tipo tosto! E sicuramente non aiuta il fatto che io sia meno presente visto che da qualche mese lavoro tutte le mattine e anche due pomeriggi.
L'ultima trovata sono i gettoni. Ogni volta che Topastro si comporta bene per tutto il giorno riceve un gettone da mettere nelle apposite taschine che sono appese alla nostra porta di casa. Proprio sotto al tabellone delle regole. I gettoni funzionano? Si e no... Dipende dai giorni. Quando Topastro sa di essere stato bravo, (sono assolutamente tollerati piccoli capricci), prima di andare a dormire viene a chiedere il gettone e quando è riuscito ad accumularne cinque ha saltellato dalla gioia e mi ha chiesto di andare subito a comprare un piccolo regalino. Per fortuna si accontenta di poco, ha voluto un piccolo muletto rosso :-) 

17 commenti:

  1. Bellissima idea Clà! Come ti capisco! Sai che è molto probabile che il comportamento di Samu sia dovuto anche alla tua maggior assenza.. Anche noi nell'ultimo periodo abbiamo dovuto combattere con una Jodie parecchio dispotica e a tratti lunatica. E' Vero che la lasciavo molto tempo con i nonni a causa delle nausee e facevo fatica a seguirla sia io che il papà a causa della stanchezza da lavoro. Capito che la lasciavo troppo dai nonni e in contemporanea sentendomi meglio abbiamo un attimo tirato le briglia che con i nonni ovviamente sono più lente. Piuttosto severi l'abbiamo rimessa in riga togliendogli le cose che le piacciono di più ad un comportamento negativo (che per Jodie è sopratutto quello di di essere sgarbata e manesca con i nonni) Via cartoni, via canzoncine e favole la sera e via uscite serali con la nonna! in questa settimana che ha passato con me e papà in casa da ferie è cambiata in meglio! Forse Samu si sente un pò abbandonato? so che non hai scelta.. hai provato nei momenti di tranquillità a parlarci? a capire da cosa derivano i capricci?

    RispondiElimina
  2. ops.. continuo!
    hai provato a chiedergli se è arrabbiato per qualcosa? prova a far uscire il suo stato d'animo.. se non c'è nulla di particolare che viene a galla potrebbe essere semplicemente uno scatto di crescita.

    RispondiElimina
  3. scusa ancora... e se invece di un premio materiale proponessi a Samu occasioni in cui state insieme tipo uscite di vario tipo? se si comporta bene dopo 5 gettoni si fa un bel pic nic.. oppure altro?
    ok basta!

    RispondiElimina
  4. come ti capisco! Il periodo peggiore con Riccardo è stato tra i 3 e i 4 anni. Anche noi avevamo introdotto i faccini (smile adesivi) da attaccare su un tabellone e ottenibili solo dopo "buoni comportamenti", tipo, mi vesto senza obiettare, faccio il bagnetto senza reclamare, vado a letto quando lo dicono mamma e papà, ringrazio e chiedo per favore... A tabellone ultimato (e ci sono volute settimane di buona condotta) ha potuto avere il gioco che tanto desiderava. In questo modo i comportamenti si sono automatizzati e il giocattolo ha assunto una valenza tutta sua, tanto che lo conserva ancora! Per anni è stato bravissimo (è una fase obbligatoria quella dei capricci), ma ora ci affacciamo alla pubertà e io già tremo...

    RispondiElimina
  5. Non mi parlare di capricci, Claudia! Raffy è ingestibile a volte, per più motivi, e quindi ti capisco bene.
    La tua idea dei gettoni la trovo davvero positiva e credo che qualche risultato si possa ottenere, ma non sempre perchè so che i bimbi sanno essere testardi oltre l'inverosimile anche quando sanno di andare incontro a castighi....volgliono proprio sfidare i genitori, è risaputo! Vogliono affermare la loro indipendenza...ma sono così piccini!
    A volte è davvero difficilissimo non crollare e perdere la pazienza, con tutta la buona volontà....vero?'
    Comunque, ribadisco che l'idea dei gettoni è forse una delle poche educative e proponibili, brava!
    Abbraccione,
    Maris

    RispondiElimina
  6. @Stella: è davvero difficile capire il motivo per cui i bimbi a volte fanno parecchi capricci. Riguardo Samu penso che sia dovuto a tante cose tutte insieme: immagino che a volte sia arrabbiato o comunque nervoso per la separazione mia e del suo papà. Me ne accorgo soprattutto il lunedì, dopo che ha trascorso il week end con papà. Lui vorrebbe stare con entrambi nello stesso momento ma non è possibile. Altre volte ha voglia di stare a casa con me e me lo dice ma è ugualmente costretto ad andare al centro estivo. Altre volte ancora sono io che sono stanca e nervosa e faccio fatica a comprendere i suoi bisogni. Insomma, una faticaccia! Senza contare che Samu è davvero un tipo tosto: testardo come un mulo. Se decide una cosa non cambia idea neppure sotto la minaccia di non vedere i suoi cartoni animati preferiti, niente gelato,... Non voglio essere una mamma troppo cattiva ma quando il suo comportamenteo è davvero inacettabile io lo avverto: se continui così verrai punito. Non si può avere tutto senza dare nulla in cambio e lui secondo me è abbastanza grande da capire che se si comporta bene ha dei privilegi e se fa il birichino viene punito. Spesso quando Samu è bravo gli propongo cose divertenti da fare insieme. Riguardo i gettoni mi è venuto in mente di proporgli un giochino perchè perchè mi pareva più concreta come cosa. Ma è comunque un'idea, magari prossima volta gli dico che può scegliere tra un gioco e una gita o altro da fare con me.

    RispondiElimina
  7. @Antonella: anche io credo molto in questo metodo del rinforzo positivo ma so che non tutti sono d'accordo. Però sono convinta che funzioni perchè anche agli adulti fa piacere sentirsi dire dal proprio capo: ottimo lavoro! E' un grande stimolo a fare ancora meglio il proprio lavoro. Spero che anche per il mio bimbo diventi una cosa automatica essere bravino. Non dico bravissimo, in fondo è un bimbo :-)
    In bocca al lupo con tuo figlio, mi sa che ti aspetta una fase ancora più difficile di quella dei capricci....

    RispondiElimina
  8. @maris: grazie maris, sapere che altre mamme sono nelle stesse condizioni mi fa sentire un pochino meglio. A volte incontri mamme o persone che ti dicono che ci vuole pazienza, che devi fare così e poi cosà, che stai sbagliando... E' DIFFICILE FARE LA MAMMA! E non esistono regole universali. E soprattutto siamo umane... Io a volte sono stanca, lo ammetto, che devo fare? Non sempre riesco a gestire i capricci allo stesso modo. Potresti provare anche tu con i gettoni :-) o con delle caramelline al posto dei gettoni...

    RispondiElimina
  9. Stò leggendo la bibbia del genitore e uno degli argomenti trattati era proprio la "disubbidienza" quando si tratta di fare piccoli lavori di casa o pulire se stessi, i bambini non ne capiscono l'utlilità! Il consiglio era tipo come hai fatto tu preparare un calendario delle attività e il bambino ogni volta che ne faceva una doveva spuntarla arrivati ad un tot prestabilito aveva dei soldini o un giochino in base all'età, ma raccomandavano appunto di non essere troppo rigidi, sono sempre bambini e deve essere una cosa divertente. First che è sempre stato il più "bravo" tra i due Child adesso ha preso l'abitudine di rifiutarsi quando gli dico: lavati i denti, vestiti, spogliati etc... mi risponde:"perchè mi ogglibi?" o in alternativa: "tu che ne sai cosa mi dice la mia testa?" :-O

    RispondiElimina
  10. @supermamma: non credo di essere troppo rigida o severa, anzi! Forse sono troppo buona :-) proprio perchè capisco che ho a che fare con un bimbo. E poi penso dipenda tanto anche dal carattere del bimbo. Ci sono bimbi molto calmi e altri che hanno energia da vendere! Topastro è piuttosto vivace, gli piace sperimentare, curiosare, scoprire, non sta mai fermo e combina spesso pasticci. Ancora non mi ha mai detto "tu che ne sai cosa mi dice la mia testa" ma chissà... :-)

    RispondiElimina
  11. Modalità...scolastica...che conosco e ricordo. Ma, come ti ho scritto su FB...nulla è per sempre. Davvero occorre essere eclettici e funanboli...eh...eh...eh!
    Buonissima domenica.

    RispondiElimina
  12. ...funMboli !!! :O( speriamo che nessun ex alunno passi di qui...

    RispondiElimina
  13. @sandra: proprio così! Bisogna sempre trovare nuovi stratagemmi, trucchi... non essere troppo severi nè troppo poco... un equilibrio difficilissimo da mantenere :-)

    RispondiElimina
  14. come ti capiscoooo! certo che è davvero un tipo tosto, Topastro! Anche noi abbiamo passato una fase difficile, lo scorso anno, ma poi è passata. Devo dire che il mio Pulce non tollera molto l'essere messo in punizione (fermo su un tappeto per tanti minuti quanti sono i suoi anni e poi deve dimostrare di aver capito se no si ricomincia a contare..) per cui è da più di un anno che non ce n'è stato più bisogno. Però i capricci sono tolleratissimi anche qui..
    Di certo lavorare di più fa anche sentire più in colpa...

    RispondiElimina
  15. @vogliounamelablu: Si, hai ragione, mi sento un pochino in colpa a lasciarlo solo tante ore. Al centro estivo, dalla baby sitter o qualche altra mamma amica. Ma non si può far diversamente e devo dire che devo comunque ritenermi fortunata perchè so che ci sono mamme che lavorano molte più ore di me! Topastro è tostissimo! Spesso pur di non fare quello che gli chiedo va in castigo da solo! E' testardo come un mulo... e pure io lo sono :-)

    RispondiElimina
  16. anch'io penso che il metodo è buono ma il premio finale dovrebbe essere qualcosa di diverso da un gioco materiale: una gita insieme scelta da lui, tu che gli cucini il dolce scelto da lui...o comunque se proprio il giochino glielo vuoi dare intramezzarlo tra altri tipi di "premi"

    RispondiElimina
  17. @Mamma Nuvola: sai che mi sembrerebbe strano proporre una gita insieme? Perchè di gite o passeggiate ne facciamo comuqnue tante insieme. E per me non si tratta di premi ma di momenti che vanno vissuti insieme, sono momenti che il mio bimbo si merita sia quando è bravo che quando è birichino. Lui ha diritto a trascorrere del tempo con me, così come a cucinare con me. Però può scegliere quello che vuole come premio, anche una gita insieme, certo. Ma ha preferito un giochino. Naturalmente i giochini che può ottenere dopo aver accumulato 5 gettoni sono davvero piccini, oggetti con un costo inferiore ai 5 euro. Topastro non è uno di quei bimbi che entra nei negozi di giocattoli e dice: voglio questo. Lui osserva, mi dice: che bello! Ma non mi chiede di comprare nulla. Quindi per lui il premio-giochino mi pare adatto. :-)

    RispondiElimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.