martedì 18 settembre 2012

Evviva la scuola!

Ieri, dopo una domenica davvero brutta, ho avuto il grande onore di trascorrere un'ora nella nuova scuola insieme a Topastro. Ultimo anno di scuola infanzia e Topastro si è trasferito da una scuola privata ad una comunale. E' stato bello notare le differenze rispetto alla scuola frequentata i precedenti due anni. E non intendo differenze tra privato e pubblico ma differenze tra due scuole, punto. 
Nell'altra scuola la retta era parecchio alta e uguale per tutti mentre in questa scuola ogni genitore paga in basa al reddito ma a me tocca ugualmente una retta altina eh eh. Io e il papà di Topastro siamo separati ma il Comune ha deciso di richiedere l'ISEE di entrambi i genitori per tutte le coppie di fatto.  In qualsiasi caso: coppie di genitori che vivono nella stessa casa, genitori che vivono in due case diverse, coppie di fatto o coppie separate. Se il bimbo ha un papà serve l'ISEE di entrambi i genitori. Però la retta è comunque più bassa rispetto a quella pagata negli anni precedenti. :-)
La scuola è la stessa in cui Topastro ha frequentato il centro estivo in luglio e agosto nel 2012 e nel 2011 ed è bellissima! La stessa che ho frequentato io da piccola. Un giardino molto grande, tre aule altrettanto grandi e un salone luminoso. Cucina interna e uno spazio intimo per letture o attività rilassanti. Nella sezione di Topastro ci sono in tutto 25 bambini seguiti da due educatrici. Compresenza nella parte centrale della giornata. C'è anche un'operatrice assegnata alla sezione che si occupa della pulizia e una o due educatrici di sostegno per bimbi che necessitano di cure speciali.
Abituata agli spazi strettissimi della vecchia scuola continuavo a guardarmi attorno e notare che nonostante ieri in aula ci fossero 24 bimbi, (ne mancava uno), tre educatrici e 8/9 genitori c'era veramente tanto spazio e mi pare si noti pure dalle immagini visto che sono riuscita a fotografare il mio cucciolo senza altri bimbi vicino a lui. 
L'aula è divisa in diversi "angolini" come quello con le panche per i momenti di condivisione, uno spazio morbido accanto al quale c'è una piccola libreria, una zona dedicata al "facciamo finta di..." con cucina, tavolino, lettini con bambole, cibi di plastica, negozietto, specchio e accessori per travestirsi. E poi ancora un angolo con trenini e automobiline, un mobiletto con tanti giochi in scatola, puzzle, costruzioni di diverso tipo... Mi piace!
Topastro, inizialmente arrabbiato perchè avevamo dimenticato a casa Pingu, (lo voleva presentare alle maestre), è entrato comunque in aula saltellando e si è sentito molto a suo agio. Forse perchè conosceva già il posto e alcuni dei bimbi presenti nell'aula rossa o forse perchè ormai è grande. Ha giocato per un'ora esplorando l'aula e controllando tutti i giocattoli mentre io mi guardavo attorno, scattavo qualche foto e mi godevo questo momento che sinceramente mi è proprio mancato il primo anno di scuola infanzia.
Non voglio criticare la vecchia scuola. E' vero che non mi è piaciuta per molti motivi ma ci sono tantissimi genitori a cui piace e le educatrici sono brave ma io non mi sentivo proprio a mio agio, non riuscivo a condividere il loro metodo e il modo di organizzare la giornata. E tra le altre cose mi è proprio rimasto un groppone in gola per il fatto che non esiste il colloquio individuale di inizio anno e l'inserimento, in spazi ristretti, è stato davvero tanto caotico. Qui ho potuto fare un colloquio individuale insieme alle maestre per fare conoscenza reciproca. Io ho raccontato a loro alcune cose di Topastro, (carattere, abitudini, storia familiare), e in cambio ho ricevuto informazioni sulla scuola come orari, regole e metodo educativo. Trenta minuti che secondo me servono a sia ai genitori che alle maestre per farsi un'idea di chi hanno di fronte e stabilire un primissimo rapporto di fiducia reciproca.
Le maestre mi sono sembrate simpatiche, severe, (ieri le ho viste spesso correggere comportamenti non consentiti a scuola in maniera tranquilla ma decisa anche davanti ai genitori), e con pochi peli sulla lingua. Qui si dice così quando una persona non fa giri di parole per dirti ciò che pensa ma te lo comunica guardandoti negli occhi: "secondo me questa cosa vada fatta così e ti spiego il motivo". Io sono stata "sgridata", durante il colloquio, perchè Topastro dorme ancora nel lettone con me. Una delle cose "negative" che ho notato è che alcuni dei giocattoli sono parecchio rovinati e visto che si tratta di una scuola pubblica beh... non mi stupisce visto che i soldi, come ovunque, non ci sono. 
Bilancio del primo giorno positivo e oggi Topastro rimarrà a scuola un'ora ma da solo, senza mamma. 

Per gli amanti dei bottoni segnalo il nuovo post di Giorgio: bottoni e curiosità

14 commenti:

  1. sono contenta che la nuova scelta sia soddisfacente per te e tuo figlio, cambiare è sempre una incognita ma è giusto anche farlo se riteniamo che sia meglio per i figli...anche i miei twins frequentano l'ultimo anno di materna (non li ho anticipati) ma mi parlano già di come sono grandi e il prossimo anno andranno alle elementari (molto amici a cui erano affezionati erano + grandi e sono passati di diritto senza anticipare alle nuove scuole) a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Twins(bi)mamma per ora la scuola mi piace ma chissà, magari tra due mesi scopro che ha mille difetti. Però non credo mi pentirò di aver cambiato. Come hai scritto tu: se si pensa sia meglio cambiare, meglio farlo! Io sono un po' contraria a chi anticipa la scuola primaria. Magari va bene per alcuni bimbi che sono molto impazienti di imparare a leggere e scrivere e preferiscono un libro a una corsa su un prato. Però un anno di gioco in più... è un anno di gioco in più! Buona scuola!

      Elimina
  2. Anche la mia bimba ha iniziato l'ultimo anno di materna e sono già preoccupata per come reagirò io al passaggio alle elementari...SIG! è già così grande!!!
    sono contenta che la nuova scuola sia migliore, meglio così visto che questo è un anno molto importante.
    ciao a presto, Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non me lo dire Robertina... ma ci pensi che già a dicembre dovremmo iniziare ad informarci? Mi viene il panico e boh... vedremo!

      Elimina
  3. Sono proprio contenta che già dal primo giorno tu abbia avuto conferma sulla tua scelta. So che non è stata facile :)
    mi hai fatto pensare a quante scelte abbiamo davanti, a quante ne sbaglieremo, a quante ne correggeremo. guarda che sorriso che ha Samuele, fantastico.
    Che ridere, però, ti sei presa pure una sgridata :) Qui ti mettono in riga :)))) Buon proseguimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara! Scegliere per i figli non è mai facile ma non credo mi pentirò della mia scelta neppure se tra qualche mese scoprirò cose che non approvo o non mi piacciono. E' giusto provare a cambiare quello che non ci piace anchea costo di non sapere se il nuovo sarà migliore del vecchio. Non ho idea di quante altre volte sbaglierò... però lo faccio con amore, vale??
      Si si le educatrici mi son sembrate parecchio decise e severe ma non è detto che questo sia un male. La sgridata l'ho accettata con piacere perchè mi è stato spiegato il motivo, secondo la loro teoria, secondo cui è meglio che Samu dorma nel suo letto e non nel mio. Magari ci scrivo un post perchè quel breve colloquio mi ha fatto riflettere e questo è sempre buono! Spero che il vostro inserimento vada bene!

      Elimina
  4. Ma no, pure la sgridata...:-)
    In quanto a groppi in gola: a me ne è venuto uno grossissimo quando Diego, che è in terza media, mi ha detto che stanno già cominciando a parlare di orientamento per la scelta della scuola superiore...
    Un abbraccione, Patty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si Patty, che ridere! Nella vecchia scuola le educatrici erano meno dirette mentre qui...
      Scuola superiore??? Mamma mia mi vengono i brididi e la pelle d'oca. Un salutone grandissimo a te e la tua bellissima famiglia

      Elimina
  5. Che bello leggerti cosi...sono contenta che voi vi troviate bene...dalle foto sembra veramente carino l'asilo...buon anno scolastico allora....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sly! Buon anno scolastico anche a voi!!

      Elimina
  6. Sono contenta di sentirti serena e contenta, sono sicura che anche Samuele starà benissimo... le premesse ci sono tutte!
    Un augurio di uno splendido anno scolastico al topastro e alla sua mamma.
    Giorgia dei Mostri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giorgia dei Mostri :-)
      Buon anno scolastico anche a voi!!!!!!!

      Elimina
  7. wow é enorme! anche noi stiamo alla scuola pubblica abbiamo molto spazio esterno e una palestra bella grande ma le aule sono piccoline. Per quanto riguarda i giochi perché non chiedi alle maestre se puoi portare giochi che topastro non usa più? Le nostre maestre ce lo consentono così i bambini hanno sempre giochi nuovi, ma solo se il Topastro non ne é geloso sennò non vale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si supermamma le aule sono davvero grandi! Penso che una volta le facessero più grandi rispetto ai tempi correnti. Questa scuola, nonostante sia in buonissimo stato, è parecchio vecchia... pensa che ci sono andata io che ora ho 40 anni :-)
      Non credo che Topastro voglia regalare i suoi giochi, è abbastanza geloso e regaliamo solo giochi che ormai non sono più adatti alla sua età. Di giochi ne hanno comunque tanti, solo che alcuni sono un po' consumati :-)
      Comunque proprio ieri ho portato una scatola con una sorpresa, ne parlerò in un post appena riesco.

      Elimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.