giovedì 14 giugno 2012

Al mulino Sapignoli

Io e Topastro non ci possiamo lamentare perchè, come ho scritto spesso, viviamo in un posto bellissimo. Abbiamo il mare così vicino che quando soffia il vento sentiamo il rumore degli alberi delle barche ormeggiate al porticciolo. Abbiamo parchi tematici a 5 minuti da casa, musei, castelli, colline, campagna quasi attaccata a casa e dei paesaggi mozzafiato a 15 minuti.
Lunedì il cielo era macchiato da nubi bellissime come queste e queste e quando io vedo il cielo così limpido, un po' di vento, e quelle soffici macchie bianche mi viene voglia di andare in campagna o collina. Dopo aver preso Topastro a scuola mi è venuta una bella idea: portarlo a visitare il Mulino Sapignoli che ho scoperto tramite BIMBI RIMINI
Il Mulino si trova in Via Santarcangiolese 4631 a Poggio Berni ed è facile da raggiungere... tranne per chi, come me, dimentica di appuntarsi da qualche parte il numero civico. Per fortuna c'erano diversi cartelli con le indicazioni :-)
Ci ha accolto Serena che ha fatto la conoscenza del Topastro e non credo lo dimenticherà facilmente perchè lui le ha comunicato tre, forse quattro se non  cinque volte il proprio nome e cognome. Come se non bastasse ha parlato per tutto il tempo della visita costringendo Serena a raccontare a singhiozzo il funzionamento del mulino, storia, aneddoti e molto altro su questa meraviglia.
Io davanti a questi pezzi di storia vorrei osservare, fotografare, ascoltare... E invece il Topastro continuava a saltellare come un grillo, toccare qua e là, raccontare a Serena cosa aveva fatto a scuola, che in tasca aveva un doblone d'oro... Insomma non è stato facile, soprattutto per Topastro, capire in che maniera gira la ruota, dove si posizionano i chicchi di grano e come fanno a diventare farina.
Io però qualcosa sono riuscita a capire nonostante la voce di sottofondo del Topastro. Il Mulino Sapignoli è uno dei pochi mulini rimasti nella bassa Valmarecchia, pensate che ve ne erano ben 165. Uno di questi mulini è ancora oggi in funzione e usa l'antico metodo di macinatura. Mi pare sia il Molino Ronci a Pontemessa di Pennabilli.
Voi immedesimatevi nella nostra visita: vocina di Topastro e Serena che continua a mostraci una delle due grandi ruote di pietra che che ora è smontata, i solchi sulla pietra, ci fa vedere il cassone dove cadeva la farina e la pala che il mugnaio usava per raccoglierla e metterla nel sacco. E' stata una visita molto bella e particolare.
Questo mulino era alimentato da un canale d'acqua proveniente dal Marecchia e chiamato "fossa Viserba". Lungo questo canale vi erano tantissimi mulini e uno è proprio a Viserba, non lontano da casa nostra. Quando ero piccola ci passavo spesso davanti, oggi non so se è stato ristrutturato o è in stato di abbandono.  
Serena ci ha mostrato contenitori per la farina, i setacci, il posto dove il mugnaio teneva gli animali che usava per arrotondare le entrate e ci ha pure raccontato alcuni aneddoti riguardanti la diceria che il mulino era posto per uomini e le donne che vi si recavano erano considerate poco serie.
E poi ci sono i folletti. L'unico momento in cui Topastro ha chiuso la bocca e aperto le orecchie è stato quando Serena ha raccontato che nei mulini vivevano i folletti. I folletti sono molto dispettosi e capitava che annodassero le gambe dei pantaloni del pigiama ai bimbi che dormivano, o che facessero girare la ruota durante la notte.
Quando mulinava il vento che faceva il vortice si diceva "ecco i fulétt, u i è é fulétt' (ecco il folletto, c'è il folletto)... noi bambini avevamo paura. Era una cosa come spirituale. Dante Soldati
Terminata la visita, avrei voluto fare domande, guardare i video nei monitor installati nelle sale del mulino ma Topastro non riusciva proprio a stare fermo, magari torneremo un'altra volta. Abbiamo fatto un giretto al piano superiore dove una volta c'era la casa del mugnaio che ora è stata trasformata in una biblioteca. Stupendo!
Topastro ha sfogliato alcuni libricini per bambini e continuava a dire ad alta voce: guarda qui, vieni a vedere, ma questo cos'è? Ne voglio un altro... 
Dopo un pochino abbiamo salutato Serena e siamo andati a passeggiare nel bellissimo giardino in cui Topastro ha potuto sfogare la sua energia.
Come al solito ha raccolto ogni oggetto che ha trovato in terra, è corso lontano, si è avvicinato al canale e naturalmente non ha ascoltato nessuna delle indicazini che gli avevo dato. Questo Topastro birichino: seguirà post riguardo l'abuso della sua vocina eh eh... Comunque la visita è stata molto carina e se non abitate tanto lontano ve la consiglio, soprattutto a chi ha bimbi dai 5/6 anni in su.
Il volantino con informazioni e orari lo trovate qui. Il biglietto per la visita guidata, intero, costa 3 Euro. Vorrei precisare che questo non è un post sponsorizzato. Vi consiglio questo posto perchè ci sono stata e mi è piaciuto. Ed è piaciuto anche a Topastro. 
Qui trovate altri post che parlano del Mulino Sapignoli:
Festa del Mulino Sapignoli terzo compleanno del Mulino e presentazione libro
Un folletto per amico il libro di Silvio e Amedeo
Un folletto per amico i pensierini inviati da Amedeo e Silvio

14 commenti:

  1. Ciao Claudia,
    ogni volta che entro nel tuo blog scopro dei luoghi bellissimi da visitare con i nostri bimbi!!!Questo del mulino mi mancava proprio e penso che in autunno faremo un giretto!!!!
    Grazie, i tuoi post sono sempre molto belli!!!!
    A presto
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, sono contenta di averti dato uno spunto per una gita :-)

      Elimina
  2. Bellissimi davvero peccato che noi siamo lontani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari avete qualcosa di simile vicino dove abitate? :-)

      Elimina
  3. Le tue foto presentano un luogo bello e, a quanto pare, molto interessante.

    Claudia, sei fortunata ad avere a portata di mano una così copiosa e variegata ricchezza di occasioni di svago e apprendimento per il tuo simpatico "Topastro".

    P.S. Se vuoi passa a trovarmi, c'è un pensierino per te, ma sentiti libera di accettarlo o no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Krilù, sei veramente gentilissima e noi tanto fortunati a vivere in una zona così ricca. Ti ringrazio immensamente per il pensierino ma non credo di aver tempo di seguire le regoline del premio.

      Elimina
  4. In effetti visitare un posto che non sia creato per bambini richiede coraggio... ma dara' i suoi frutti..
    I posti sono davvero stupendi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà Moky è un luogo che ritenevo piuttosto adatto a Samu. La ragazza che ci ha accolti era molto paziente e ci ha detto che ogni tanto qualche scolaresca va in gita al mulino. Anche le spiegazioni, secondo me, erano semplici e a misura di bimbo. Ma sai... ci sono bimbi e bimbi eh eh. Topastro penso faccia di una categoria un pochino agitata e bisognosa di correre, parlare e toccare.

      Elimina
  5. Ho girato il link a Loris Dell' Acqua che ha lottato con Mario Turci per tenerlo aperto sempre.Sarà felicissimo. E' Quello che ha scritto l' articolo sul Museo
    " La macchina del temopo. "
    Saperlo sfruttare quel posto sarebbe meraviglioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio un bel posto e merita di essere visitato. Soprattutto dai bambini che frequentano la scuola primaria che così possono scoprire come nasce il pane. Al momento mi pare ben curato, sia all'interno che all'esterno e l'idea della piccola biblioteca è davvero bella!

      Elimina
  6. Che bella cosa poter fare esperienze così!

    RispondiElimina
  7. Ciao, ma che bei posti e che belle foto, beata te!Il mio sogno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Sara... a pochi km da Rimini ci sono ancora molti posti con prati, campi e spazi aperti!

      Elimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.