venerdì 30 luglio 2010

I venerdì del libro: Viaggio al centro della terra

Mi piacciono i libri, mi pare di aver accennato in qualche post che leggo per piacere dai tempi delle scuole elementari e ricordo che i miei genitori ogni tanto mi portavano in libreria per scegliere un libro. I primi libri che ho letto sono stati: "Heidi", "Topolino e il fagiolo magico", "La famiglia Robinson", "Il piccolo Lord", "Piccole donne", ...
Anche mio babbo ha sempre letto e legge ancor oggi parecchi libri, spesso prendiamo in prestito l'uno i libri dell'altro. Dalla sua libreria ho scoperto A. J. Cronin di cui ha quasi tutta la collezione. Ma non è di lui che voglio scrivere oggi. Uno dei libri che ogni tanto prelevo dalla libreria e rileggo volentieri è
Il mio è stato stampato del 1974 ed ha le pagine con i bordi ingialliti. La storia la conoscete tutti; la fantastica avventura di Axel e dello zio professore Lidenbrock che trova una vecchia pergamena che li guiderà in un viaggio  tanto avventuroso quanto fantastico. Un viaggio verso il centro della terra attraverso cunicoli e gallerie buie dalle pareti di minerali luccicanti o lava solidificata, mari sotterranei e animali preistorici. Un "romanzo di avventure scientifico e geografico".
Ogni volta che lo rileggo mi emoziono, mi lascio trasportare in questo mondo fantastico e soffro con i personaggi la fame e la sete, la paura di non ritrovare i compagni persi in una galleria o di non riuscire a raggiungere l'altra riva del mare a bordo di una zattera costruita con tronchi millenari.  
Non credo che le mie parole possano rendere la bellezza di questo libro così vecchio, (scritto nel 1864), ma così vivo. I dolci pensieri di Axel per la cara Grauben e tutte le nozioni scientifiche che vengono accennate, il percorso geografico, la curiosità di svelare il messaggio della vecchia pergamena.
"Ai piedi di una roccia  che ricordava la testa di un cane volta verso il cielo, egli, rosso in volto e con gli occhi accesi, mi indicava solennemente un punto, un tratto di quel blocco di lava che si era affrettato poco prima a pulire dalla patina che il tempo e le intermperie avevano formato su di esso. Vidi così dei segni che solo la mano di un uomo poteva aver tracciato. Sentii un vago senso di disagio, perchè la stessa espressione di mio zio era già di per sè una rivelazione. Lessi tuttavia, o meglio guardai, gli strani segni, che non mi giungevano davvero nuovi:
"
"La galleria si inoltrava attraverso una formazione mineralogica che era costituita esclusivamente di lava. Tutte le pareti, il fondo, il soffitto sopra di noi, presentavano il caratteristico colore grigiogiallognolo della lava indurita. Dato poi che la pendenza della galleria verso il basso si poteva calcolare in circa 45°, si può immaginare quali difficoltà ci riservasse la marcia." 
"- Sta tranquillo, troveremo tutta l'acqua che vuoi.
- Ma come fai a dirlo con tanta sicurezza?
- E' scientifico, Axel; quando terminerà la colata di lava, troveremo le sorgenti, le più pure che mai avremo conosciuto.
- Già, ma la lava non accenna a scomparire!
- Ancora un po' di pazienza; siamo già scesi molto in profondità.
- Non direi molto, - obiettai a questo punto.
- Per quale motivo? Sentiamo!
- Per il calore, zio, secondo la teoria di Davy. Il termomentro segna appena quindici gradi, e secondo quanto stabilito da quello scienziato, il calore, nell'interno della terra, aumenta molto più rapidamente: circa un grado ogni cento piedi.
- Al diavolo le tue teorie e quelle di tutti gli scienziati. Vuoi sapere a che profondità siamo giunti? Diecimila piedi sotto il livello del mare, cioè tremilacinquecento metri: soddisfatto?"

Gli altri libri di questo venerdì del libro, una bella iniziativa lanciata suggerita da HomeMadeMamma:

16 commenti:

  1. Un libro stupendo ed intramontabile. Letto a voce alta in tante mie classi: non puoi immaginare l'ascolto "rapito"...è uno dei tesori del mio lavoro, uno di quelli che porterò sempre con me.

    RispondiElimina
  2. bello io ho visto il "vecchio film"...mi fa sempre sognare...come diecimila leghe sotto i mari ... capitano nemo etc.... ciao

    RispondiElimina
  3. Bellissimo!!! Letto da ragazzina, è stato entusiasmante!!!!

    RispondiElimina
  4. Verne è davvero un'autore straorinario!
    Baci

    RispondiElimina
  5. Anche io lo ho letto da ragazzina....molto bello!!! Verne è incredibile!

    RispondiElimina
  6. Da piccola l'ho letto anch'io, bellissimo!!

    RispondiElimina
  7. @Sandra: io ancora oggi quando lo leggo mi lascio rapire dal racconto del viaggio!
    @Twins(bi)mamma: prima o poi guarderò anche il film, deve essere davvero bello anche quello!

    RispondiElimina
  8. Da piccola non mi piaceva, crescendo invece mi sono fatta rapire dalle sue storie. Anche il "vecchio" film mi aveva presa tantissimo :-)
    Devo andare a vedere se riesco a ritrovare anche il mio vecchissimo libro
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. amo molto leggere e cerco, ma con scarsissimi risultati, di inculcare questo paicere anche a mio figlio,
    questi libri sono dei classici meravigliosi che ognuno di noi dovrebbe leggere almeno uan volta nella vita...
    ciao

    RispondiElimina
  10. Noi ragazze stiamo leggendo 20.000 leghe sotto i mari. Edizione del 1955. Complimenti per le creazioni ... sono fantastiche!!Ti ho aggiunto nel mio blogroll così, quando le nane saranno in vacanza con il papà vengo a sbirciarti con calma!

    RispondiElimina
  11. @francy: anche io propongo molto spesso libri al mio Topastro perchè vorrei che amasse i libri come me. però è possibile che da grande non ne voglia sapere di leggere...
    @3bin3a: A me 20.000 leghe sotto i mari è piaciuto meno, ma comunque un bel libro. Grazie dei complimenti.

    RispondiElimina
  12. Avevo dimenticato imperdonabilmente di inserirti nell'elenco dei blog a fine post....scusa!!! Ora ho sistemato tutto :-)

    RispondiElimina
  13. Ciao!!!C'è un premio per te sul mio blog....

    RispondiElimina
  14. @maris: non preoccuparti, e grazie mille di avermi messo nel tuo elenco!
    @MANU: grazie del premio!

    RispondiElimina
  15. Ciao Claudia
    sai che non l'ho mai letto!!! I primi libri che hai letto sono quelli che ho letto anch'io, ma questo non era nella mia libreria ... devo rimediare
    buon fine settimana Patrizia

    RispondiElimina
  16. Buona domenica Patrizia! Se lo leggi, fammi sapere se ti piace :-)

    RispondiElimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.