mercoledì 19 gennaio 2011

Quanti giocattoli?

La discussione nata da questo post di MammaMoglieDonna mi ha fatto pensare un bel po' e ho deciso di scrivere qualche riflessione.
Ammetto che Topastro ha tanti giocattoli. Quanti sono tanti? Tanti sono: una libreria con 16 scomparti piena di pupazzi, automobili, camion, ruspe, trottole, costruzioni grandi di due o tre tipi, 2 rampe per auto, strumenti musicali, (chitarre, tamburi, maracas, triangolo, flauto ....), una pista per trenini da bimbo piccolo, volante con display, alce a dondolo, due treni Thomas, (uno che si smonta e uno con telecomando),  vascello dei pirati, fattoria parlante, lumachina e casetta con forme di diversi tipi da infilare, proiettore di figure per il buio, carrello con attrezzi di ogni tipo, (martelli, seghe, pinze, cacciaviti, bulloni...), un garage-parcheggio, una pianola per bimbi piccoli... Un contenitore di plastica pieno di mattoncini tipo duplo, due contenitori di plastica con rotaie, locomotive, vagoni, stazione, gru e altri accessori, ... Sei tavolini e sei seggioline sparsi in varie stanze che vengono usati per preparare la pappa, disegnare con tanti colori di ogni tipo, giocare con la pasta da modellare + accessori per creare spaghetti e formine, lettino per bambole, asse da stiro, passeggino, cucina, credenza, forno, moltissimi giochi telecomandati come auto, treni, ruspe, camion, ragno... Cavalcabili da usare a spinta o a batteria: treno, auto, moto, .... Tanti libri, giochi creativi come costruzioni di legno, di tubi, pista biglie, domino, tombola, puzzle, memory, .... Altalena, scivolo, giochi da mare in quantità.
Il tutto è distribuito tra la sua cameretta, lo studio, il salotto, corridoio, il balcone, il garage della zia, (che in estate usiamo come sala giochi), e il nostro garage, (perchè i giochi da spiaggia, tenda Ikea, camion enormi, monopattino...li riponiamo in balcone e nel garage).
E non ho elencato tutto. I giochi sono tanti di più. Ora non pensate che glieli abbia comprati io, credo che come accade in tante case con i bimbi, i giochi suonano alla porta. Regali di amici, zie, nonni, vicine di casa. Io gli ho comprato tavolini e sedie, ho chiesto al suo papà di costruirgli la cucina e la credenza che ho riempito con pentole, padelle, piatti, posate, bicchieri e cibi finti. Io compro parecchi libri. Gli ho regalato qualche accessorio per la pista dei trenini, un piccolo computer, costruzioni... Il 95% dei giocattoli sono regali. E anche se ritengo che siano tanti, mi dispiace darli via. Non posso fingere e dire che vorrei disfarmi di una metà dei giocattoli di Topastro. Non mi piace raccontare bugie, questi giocattoli sono cari al Topastro ma anche a me.
Si parla di decluttering, così come di mettere a disposizione dei bimbi pochi giochi e semplici. Giochi che stimolino curiosità e permettano di usare la fantasia, di creare e non semplicemente di seguire istruzioni. In parte sono d'accordo ma ammetto di avere il vizio di non buttare via quasi nulla. Le mie cose in primis. Fogliettini, riviste, biglietti, souvenir, regalini,... Non tocchiamo poi il tasto materiali da riciclare. Ho rotoli di cartone sotto il letto, scatole di cartone nello studio, contenitori per uova, carta delle uova di Pasqua, qui non si butta niente! Riorganizzo, sposto, metto ordine, ma butto via poco. Nel caso di Topastro sono stata davvero costretta a regalare dei giocattoli che non usava più nel corso degli anni perchè, come scritto sopra, ormai casa nostra è occupata da tutte le sue cose, in ogni stanza lui ha un angolo suo, e non si tratta di un angolino... 
Alcuni giocattoli li ho quasi dimenticati. Mi capita di guardare le foto di quando era piccolo e di vedere un oggetto che non abbiamo più, regalato a bimbi di mie amiche. Però, nonostante io creda che Topastro abbia davvero tanti giocattoli, vorrei una casa più grande! Per poterli mettere tutti ben in vista su scaffali e tavolini, perchè lui possa scegliere con cosa giocare e poi riporli. Se pensate che sia matta potete scrivermelo nei commenti. I giocattoli di Topastro sono abbastanza ordinati, nel senso che sono divisi per tipo, (automezzi, animali, colori, pupazzi, oggetti per la cucina, trenini...), e conservati in scatole, cestini, scaffali, librerie. Sono quasi tutti alla portata della sua vista e delle sue manine ma non proprio tutti. Alcuni giorni fa mi sono ricordata del domino dopo aver letto un post di yummymummy. Era in un contenitore di plastica sotto al mio letto insieme ad altri giocattoli di legno, di fianco ad un contenitore pieno di rotoli di cartone. Ritrovato il domino, qualche puzzle, il pallottoliere e altri giochi in legno... Ora li abbiamo sistemati su una piccola libreria in corridoio.  Non credo di avere le idee chiare neppure io, da una parte sono convinta che in casa nostra ci siano tante cose superflue e moltissimi giocattoli, alcuni che non mi piacciono, altri usati poco, tanti altri usati giornalmente e alcuni che mi piaccion tanto.
Ma se mi metto a pensare cosa potrei eliminare... quello no perchè lo usa ancora, questo no perchè mi ricorda quando era piccolissimo, questo non si tocca perchè è stato il suo primo trenino e questo glielo ha regalato la nonna... Quando Topastro era piccino ho regalato ovetto, navicella, sdraietta, un animale gonfiabile su cui saltellare, vaschetta da bagno, pista dei treni, telefono giocattolo, costruzioni gommose, ho venduto il lettino insieme a materasso e lenzuola, dati via due seggiolini auto e tanti giocattoli che non ricordo neppure, (trottole, auto, camion, chiavi musicali...). Insomma, non è che io non faccia mai pulizia.
E sono legata sentimentalmente agli oggetti fino a un certo punto. Chiaramente mi è dispiaciuto vendere il suo lettino, ma dove potevo metterlo? A mia discolpa c'è da dire che in questo periodo Topastro gioca con tutto quello che ha. Prende i giochi da scaffali, cassetti, cestini e contenitori, li usa e li rimette a posto, (non proprio sempre, ma in linea di massima ha imparato a mettere in ordine!). E allora perchè regalare dei giocattoli che lui usa? Giocattoli a cui sono anche legata per motivi affettivi? Nei giorni scorsi ho scelto diversi grossi giocattoli tra quelli che erano in cameretta di Topastro. Glieli ho fatti vedere e gli ho spiegato che non abbiamo posto per conservare tutti i giocattoli. Che Babbo Natale gli ha portato giocattoli nuovi e noi dobbiamo regalarne alcuni di quelli vecchi. Via il garage-parcheggio, vascello, forno, un cagnolino, fattoria parlante, una grossa auto cavalcabile...
Prossimamente prometto di scegliere altri giochi da regalare, per evitare di dover passare girandomi su un fianco in posti della casa in cui abbiamo sistemato troppi contenitori o scaffali e che sono diventati stretti corridoi. Ma i giocattoli che Topastro usa e a cui sono molto legata anche io, per ora restano a casa nostra :-) Tra l'altro ho notato che mi dispiace molto meno regalare i vestiti e giocattoli di Topastro se si tratta di persone che conosco, quindi amiche con bimbi, mia cugina... Se dovessi metterli in un sacco da portare in una comunità o una scuola materna... mi dispiacerebbe di più. Quando regalo un gioco di Topastro ad un'amica so che il suo bimbo ci giocherà e posso immaginarlo mentre si diverte. Insomma, tutto qui. Volevo imprimere queste mie riflessioni sul blog, così tra qualche anno posso tornare a leggerle e chissà... potrò essere d'accordo con quello che sto scrivendo oppure potrei aver cambiato idea. (scopo di questo post non è quello di cercare approvazione di altre mamme, ripeto, in teoria so che abbiamo troppi giochi). A proposito, non vi dimenticate che in casa abbiamo anche quasi tutti gli oggetti creati con materiali di riciclo, quelli che ho postato qui negli ultimi dodici mesi.

21 commenti:

  1. :-)) Claudia, che tenerezza! Anch'io sono come te, figurati che ho sempre conservato anche la brutta copia dei temi :-))... molti dei giocattoli di Letizia sono di seconda mano, regalati da vicini e amici con bimbi più grandi, qualcuno acquistato da noi... credo che l'impressione che siano troppi ce l'abbia qualunque genitore... Per ora ho risolto con una sezione di armadio completamente dedicata dove ripongo tutto quello che viene ignorato o per cui Leti è ancora piccina/già grande, in modo che abbia sempre a portata di mano quelli che effettivamente usa... ogni tanto faccio una proposta nuova, sempre pronta al passo indietro se non viene accolta con entusiasmo... poi, come dici tu, vedremo!

    RispondiElimina
  2. Io invece siccome mi vedo già la casa invasa, in questi 2 anni e mezzo di Vale ho cercato di far sparire i giochi che non sono più adatti: tipo sonaglini, gommosi ecc. lasciando solo quelli con cui gioca. Ovvio non elimino mai un gioco a cui è affezionata. Li ho riposti in previsione dell'arrivo di un frate-sore? vedremo... Comunque anche io sono legata sentimentalmente ai ricordi di vario genere, non butterei niente, purtroppo lo spazio è quello che è... Inoltre, quando io ero già sposata, mia mamma ha traslocato e quindi già allora ho dovuto scegliere cosa buttare e cosa tenermi. C'è chi ha la fortuna di poter tenere i ricordi a casa dei genitori!! Ciaoo

    RispondiElimina
  3. ok, lo ammetto, anch'io non butto via niente e metto da parte aspettando l'arrivo di un altro cucciolo (ma quando arrivi cucciolo?!) e anche noi abbiamo troppi giocattoli ma non importa, secondo me finchè li usano hanno il diritto di restare in casa, perchè tutti sono utili a farlo crescere. Siamo fortunati perchè i regali che Matteo ha ricevuto sono tutti utilissimi. Cucciolo si occupa dei suoi pupazzi (i suoi bimbi), cucina con ke sue pentole e cibi di feltro, crea storie con i suoi animaletti e marionette a dita, legge e rilegge continuamente tutti i libri che ha e comincia a sceglierli da solo quando andiamo in libreria, adora suonare col papino ma non ama molto le costruzioni; io continuo a proporgliele perchè credo che non ci giochi per mancanza di pazienza allora provo a stimolarlo per insegnargli a non essere troppo frettoloso. E poi colori, colori, colori...di tutti i tipi! Credo sia più o meno tutto.
    Dimenticavo...ogni tanto sparisco ma non mi perdo, grazie per esserci sempre <3

    RispondiElimina
  4. Ma perché mi riconosco in ogni singola riga che scrivi? Dai fogliettini di cui son pieni i miei cassetti, agli oggettini che riempiono la scrivania a casa dei miei che sono tante piccole madeleine per me ai giochi di Filippo che cedo solo ai miei carissimi nipotini...
    Sono contenta di averti smosso questa riflessione. Sono sicura che prima o poi arriveremo al punto di saturazione e allora ne riparleremo, per ora la casa ci basta, quindi che giochino giochino e giochino con quello che vogliono.
    A proposito di con cosa giocano vuoi sapere mio figlio con che ha passato tutto il pomeriggio di ieri? Vai a leggerti il post:
    http://mammamogliedonna.blogspot.com/2011/01/quando-basta-poco.html

    RispondiElimina
  5. Abbiamo avuto lo stesso pensiero, anch'io leggendo in rete ieri pensavo di scrivere un post sui giocattoli ... se trovo il tempo lo farò :)
    Io rientro nella categoria "non butto via niente" ... ora entrata a sbirciare nel mondo creativo è ancora peggio .. mi piange il cuore buttare via un rotolo di carta igenica finito!! :D
    Quanti sono tanti giocattoli? Bè .. ti rispondo con gli occhi di un bambino, i giocattoli non sono mai tanti :)
    Abbiamo una casa grande, per quanto io cerchi di mettere in ordine .. c'è sempre disordini, siamo invasi dai giochi .. con l'arrivo di Filippo la situazione è degenerata parecchio.
    Per Lucia comprevamo giochi ... ora non più, solo i regali per le feste .. niente extra, magari solo qualcosa di piccolo :D
    Decluttering?? .. no no .. non posso farcela. Tempo fa avevo letto le teorie del feg shui sulla casa, sulle cose inutili .. mi prendeva male, ma io non riesco a disfarmi delle cose :D
    ciao
    Maè

    RispondiElimina
  6. come ho già detto i giochi in più li ho portati a scuola e non mi dispiace perchè entrambi i child stanno alla materna quindi continuano a gioacrci io purtroppo ho davvero pochissimo spazio i giochi sono sistemati in tre ceste ma per prenderli devono tirare tutto fuori quindi spesso giocano solo con quello che c'è sopra a tutto o con quello che costruiamo noi, spero di riuscire un giorno ad avere la loro cameretta in quel caso mi piacerebbe organizzarla in stile montessori tutto sistemato per genere in scatole che loro possono prendere e rimettere a posto cosa che hanno imparato a fare abbastanza bene da quando stanno andando a scuola, il lavoro dei bambini è giocare e quindi è giusto che abbiano gli strumenti per farlo.

    RispondiElimina
  7. CIAO...anche io devo fare un pò di pulizia...qualche cosa ho già dato a conoscenti..qualche altra cosa penso di darla all'asilo dove i bimbi sono cresciuti e poi cercherò di TENERE IN ORDINE...ma tu ci riesci? Avevo sistemato le cose per tipo etc... ma poi basta un pò per trovare tutto nel caos...comunque adesso al compleanno che si avvicina ho preferito abbigliamento e ho deciso di fare solo due regali utili...poi parlerò di tutto sul post della festa. saluti

    RispondiElimina
  8. Concordo, concordo. Io ho una casa che è un buco, ma i giocattoli sono sacri! Cerco di tenere un po' di ordine, più che altro perchè ho paura di cadere sulle costruzioni. Sono fermamente convinta che i giochi debbano essere a disposizione dei bambini e non imposti dagli adulti. Federico, poi, gioca con tutto quello che ha, magari va a momenti, ma gioca veramente tanto.

    RispondiElimina
  9. ciao! noi mamme siamo tutte uquali...io ho scritto un po' sui giocattoli e ho fatto un elenco nelle bozze (da correggere...)noi abbiamo una fortuna di essersi trasferiti e abbiamo lasciato una trentina di scatole (libri, giocattoli)in Italia, così li prendiamo piano alla volta, ogni tanto mi mancano i nostri giocattoli (ma Flavio non si ricorda dei suoi carissimi amici...solo alcune volte ha chiesto di un gioco che sta giù...), ho scritto nel mio post che ho intenzione di cambiare un po' gioco-design e prendere di più dei giocattoli "universali" ora Flavio facendo sempre 'sti binari (ne sai qualcosa?:) usa di tutto, lo scotch, fazzoletti, pile, monetine...ma è sorprendente che quando cose sono meno definite più usi hanno, oggi abbiamo giocato da un amichetto di Fla che ha la casa piena piena e tutte le cose sono in legno, costosissime, ma non ci siamo divertiti così tanto come quando inventiamo le cose le quali non abbiamo...ma hai ragione: anche per me i giocattoli di Flavio sono e rimangono di Flavio...

    RispondiElimina
  10. Anche noi siamo sommersi di giocattoli ed anche nel nostro caso provengono per il 95% da regali! Ho dato via già molte cose di quando erano piccolissimi: un po' ad amici, un po' alla scuola materna, ma rimaniamo sempre sommersi (poi dopo queste feste!!!). Io sono dell'idea che anche con poche cose ci si possa divertire ma mi rendo altrettanto conto che i miei figli sono legati ai giochi che hanno e non li abbandonerebbero tanto facilmente!! Io vorrei una casa meno invasa e più ordinata, a volte mi saltano i cinque minuti e comincio a riempire borsoni iniziando da cose che magari a me non piacciono molto e che non avrei mai comprato per i miei figli, però per quanto si possa eliminare sembra che i giocattoli si riproducano di notte!!!

    RispondiElimina
  11. Io per necessità ho deciso di attuare questa tecnica: ... durante il lungo inverno ... metto a disposizione tutti i giochi di costruzioni,puzzle, domino letterine bambole ecc.
    Quando arriva la primavera faccio sparire la metà di questi e li porto in garage, e metto a disposizione monopattino, bicicletta, palloni corde, ecc. Il problema è quando occasionalmente trovano giochi che non vedono da molto tempo, infatti ora nella nosta piccola casa non riusciamo più a muoverci perchè c'è un trenino quelli grandi che si spingono con le gambe, tricilo, 2 monopattini, stendino della bincheria ( mio!!) e cucinetta abbastanza ingombrante.
    Anche i libri li alterno in base al periodo, quelli di Natale ora sono archiviati!E' una faticaccia,e sono obbligata dagli spazi piccoli, però tutto sommato vedo che il metodo funziona, e tiene l'interesse sempre vigile.

    RispondiElimina
  12. @Piccolalory: anche io ho una piccola parte di armadio in cui ripongo alcuni giocattoli, quello poco usati, forse dovrei "nasconderne" di più...
    @Denise: immagino che anche tu sogni una casa più grande :-) io nel garage dei miei genitori ho quasi tutti i libri di elementari, medie e superiori!
    @MammaMoglieDonna: anche io sono sicura che arriverò ad un punto che dovrò decidere di far pulizia grossa. Per motivi di spazio o per aver convissuto troppo con tutti questi giochi :-)
    @mae: se scrivi il post, avvisami che vengo a leggere! I rotoli di cartone puoi metterli sotto il letto, in un contenitore di plastica, eh eh! Magari alcune persone si sentono bene a liberarsi degli oggetti in più, anzi, sono sicura che è così perchè altrimenti non lo farebbero. Io invece credo che starei proprio male a pensare di dovermi disfare di tutto quello che ho accumulato.
    @supermamma: allora auguro ai tuoi child una bella cameretta. Semplice ma con tanti scaffali per riporre i giochi :-)
    @Twins(bi)mamma: certo che no, non riesco a tenere sempre tutto in ordine. Topastro sta imparando e spesso se glielo chiedo mette in ordine i suoi giochi. I libri li prende uno o due alla volta e li ripone prima di prenderne uno nuovo. Se gli chiedo di mettere via la pista dei trenini lo fa. Altre volte, specie se ci sono tanti giocattoli sul pavimento, si scoraggia e non vuole mettere in ordine. In ogni caso io considero "ordine" quando il pavimento non è ricoperto di giochi. Che ce ne siano alcuni sul tappeto, sul divano, sul tavolo, così è normale quando ci sono dei bimbi in casa.
    @CartaCanta: scivolare sui giocattoli non è piacevole, parlo per esperienza! Automobiline e mattoncini duplo.
    @Flawia: come ti capisco! Topastro nella vita precendente era un trenino! Lui gioca con i treni, sogna i treni, finge di essere un treno. Vede binari ovunque! Anche Topastro è capace di giocare con cose semplici: una corda, un pacco di fazzoletti, un adesivo. Però apprezza anche i giocattoli normali. Di costosissimi.. noi non ne abbiamo! :-)
    @MammaBradipo: secondo me è vero. La notte i giocattoli si moltiplicano! Anche io vorrei la casa un pochino più in ordine. Ma capisco che con dei bimbi è difficilissimo. Non sarebbe una casa di bimbi... Quindi un pochino di confusione la tollero.
    @mammachegiochi: davvero interessante la tua tecnica. Non ho mai pensato di mettere via cose fuori stagione. Si, magari metto via secchielli e palette in inverno. Ma comunque abbiamo libri di Natale in estate e bicicletta in casa in inverno.

    RispondiElimina
  13. Hi hi hi...la nostra casa presto esploderà.Non solo per i giochi dei bambini ma anche per i miei!La miriade di oggetti che accumulo per le mie passioni (stoffe, colori per dipingere, tele varie, cose per ceramica, e lana, lana, lana..)hanno invaso ogni angolo. Io cerco di nascondere ma è tutto compresso dovunque! Con che cuore dovrei far sparire i balocchi dei bambini quando io sono invasiva come loro!!?? E meno male che la nostra casa è discretamente grande...
    Quando i giochi diventano troppo da bimbi piccoli li regaliamo a amici e cugini e come dici tu è meno traumatico!
    Dai che verso i quarant'anni vanno via da casa!Si porteranno via anche il lego!? Resistiamo!

    RispondiElimina
  14. Devo dire che il mio atteggiamento è molto cambiato nel tempo.
    Quando la figlia era una sola, tendevo ad accumulare i suoi giochi e a lasciarli tutti in vista. Poi i figli sono via via aumentati, lo spazio è diventato sempre più prezioso e ho compreso che i giocattoli rischiavano di diventare opprimenti per tutti (anche per i bambini, che per cercarne uno dovevano spostarne venti). Poco alla volta ho sentito l'esigenza di ridurre al minimo, anche perché qui l'interazione è continua e non sempre è necessario un giocattolo per giocare.
    Devo dire che sono diventata molto selettiva, molto critica nei confronti dei giochi e vorrei esserlo sempre di più: preferisco uno spazio raggiungibile, di tipo "montessoriano", piuttosto che un enorme bazaar.
    Preferisco un gioco che stimoli la fantasia ad uno che "fa tutto", soprattutto preferisco i giochi belli, perché in generale ritengo che la bellezza sia una forma in sé di educazione.
    Quando ho letto degli articoli che dicono che mediamente un bambino possiede circa 150 giocattoli mi è venuta l'ansia: fate voi 150 per 5...
    In questa casa raggiungiamo a stento il centinaio di giochi DIVISO cinque, contando anche i puzzle e i giochi di società... e anche così mi sembra sempre che potremmo eliminare ancora molto.
    Soprattutto io non sono una che conserva tutto: non ho spazio per tutti i lavoretti di Natale, Pasqua, festa della mamma, del papà, carnevale, halloween... per cui conservo una grande cartellina a testa... quando si riempie bisogna far uscire qualcosa se si vuole fare entrare dell'altro!
    Non mi sembra che i bambini soffrano di questo mio atteggiamento, anzi, la mia impressione è che liberando spazio si liberi anche la vera creatività (e infatti i materiali "creativi" sono sempre presenti in abbondanza in questa casa), la capacità di concentrarsi e anche un sano distacco dai possessi materiali. Ovviamente questo è il nostro modo di vedere, non quello "giusto", ognuno trova l'equilibrio giusto per la propria famiglia.

    RispondiElimina
  15. che dire... alcuni volevo darli via, c'era un ricicla giochi all'ikea, ma poi non li abbiamo portati causa malanni vari, col risultato chre sono ancora nel sacchetto sciupati :(
    cmq x ora ho conservato tutto e diviso tra casa sul lago dei nonin, casa di nonna e casa ns, così ne ha ovunque
    e ovviamente, sto rimettendo in pista i giochi 0-3 anni... è servito non buttarli! solo che ora ho di tutto in giro con due bimbe così piccole, oltre a tutti glia rticoli di puericultura... vi saluto che una puntegggia e lamenta attenzione e l'altra piange... aiutooo!!!

    RispondiElimina
  16. @Federica-Miciobigio: si, si, resistiamo fino ai 40 anni e i lego, se me li lascia mica mi dispiace, anche a me piace giocarci!
    @perfectioconversationis: anche a me piace molto lasciare a disposizione i giochi al Topastro secondo il metodo montessoriano ma in effetti, è impossibile. Hai proprio ragione, ogni famiglia trova il proprio equilibrio. Hai presente quel detto che dice che più spazio si ha e più cose si accumulano... nel mio caso è vero! Sono sicura che se avessi una casa piccolissima o tanti figli come te, ridurrei al minimo giocattoli e altri oggetti. Sui giocattoli e materiali grezzi, anche io cerco di darne tanti al mio bimbo, gli piacciono molto! Chissà che bello quando giocate tutti insieme :-)
    @Francy: ma non vale! eh eh, tu hai suddiviso i giochi in varie case :-)

    RispondiElimina
  17. Ciao Claudia...appena riesci passa da me...c'è una cosetta per te...Mariuccia

    RispondiElimina
  18. Eccomi, anche io conserverei tutto !! Però stai tranquilla, crescendo inizierà ad abbandonare del tutto alcuni giochi, e forse sarete in grado di trovare altre soluzioni ( i miei ad esempio, alla veneranda età di 7 e 8 anni, si sono finalmente decisi a donare un gioco a testa per "rigiocattolo" !!)

    RispondiElimina
  19. @Mikela: anche io sono sicura che con il passare del tempo la situazione cambierà. O almeno lo spero!

    RispondiElimina
  20. in effetti Topastro ha molti giochi ma penso che tanti o pochi sia tutto relativo.
    Topastro mi sembra un bambino molto creativo che gioca molto con i suoi giochi, quindi ben vengano!non c'è nulla di più bello che vedere un bimbo che gioca tutto concentrato!
    Anch'io faccio fatica a separarmi dai giochi dei miei cuccioli ma ho deciso di tenere quelli più significativi ( gli intramontabili di legno ad esempio)in scatole di plastica da mettere in garage per riutilizzarli con i miei nipotini ( spero!) e ho portato alla materna alcune costruzioni, pupazzi a cui loro non erano affezionati e altri giochini di plastica con suoni e luci. I libri sono intoccabili, fanno parte di noi, non potrei mai darli via!
    Anche noi, per quanto mettiano in ordine in scatole e librerie, troviamo giochi ovunque! ma va bene così, portano anche tanta allegria!

    RispondiElimina
  21. @mammasorriso: tu dici molti? Io dico moltissimi!!! Però è vero: lui gioca con tutto. E' capace di giocare due ore con una corda, il cartellino staccato da una maglia nuova o una scatola di cartone. Libri, in effetti neppure io ne ho dati via, finora. Anche se stavo pensando di regalare qualcuno dei miei, ne ho davvero tanti ma sono legata solo ad alcuni di essi.

    RispondiElimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.