lunedì 30 luglio 2012

Vi presento una persona :-)

Ce la faccio, ce la faccio, ce la faccio! Fa caldo, niente ferie, tanti impegni, (manifestazioni, eventi e incontri), a cui non voglio rinunciare, poca voglia di pulire e cucinare, regali per compleanni passati da consegnare, lavori di cucito lasciati a metà, post bellissimi a cui non riesco a lasciare commenti...
Un disastro! Spero solo di non rimanere senza maglie e mutande pulite. Insomma un periodo davvero intenso in cui il tempo non mi basta proprio e ogni momento sono costretta a scegliere se riposare o andare al mercatino, lavare il pavimento o andare a una festa di paese. Tutte e due non si può. Anche il tempo per il blog è pochino e mi dispiace perchè ci sono tante cose interessanti da leggere. 
Sicuramente sarò più presente quando arriverà l'autunno! Oggi però ho scelto di dedicare una parte del mio tempo libero proprio a questo spazio perchè avevo voglia di presentarvi una persona. Giovedì scorso ho letto l'ultimo post di Barbara e come sempre sono rimasta affascinata dal suo modo di scrivere e ho spento il pc con un sorriso sul volto. 
Lo so che moltissimi di voi conoscono già Barbara ma ho pensato che qualcuno che ancora non sa chi sia potrebbe passare di qui e magari non immagina che in rete ci sia un blog in cui si raccontano le avventure di Killò e Biondazzurra e così mi sono detta: Barbara - mfc si merita un bel post sul mio blog!
La foto che vedete qui sopra è di Barbara. Nel senso che appartiene a lei, così come tutte le altre foto di questo post, (tranne le ultime due), e le ho chiesto il permesso per poterle usare :-)
Ho scoperto Barbara nell'ottobre 2011 grazie a Mamma Felice e mi son detta: ma quanto è simpatica questa mamma? Allegra, spiritosa e scrive davvero benissimo! Dopo poco Barbara ha aperto un suo blog e inutile dire che ha fatto davvero benissimo! In rete ci sono ormai migliaia di blog di mamme di ogni tipo ma questo blog lo dovete seguire! Perchè? 
Adesso cerco di spiegarvelo. Perchè Barbara è una persona come noi, non vi farà mai sentire inadeguate, migliori o peggiori di lei. E' sicuramente positiva ma attraversa periodi difficili, certe volte si chiede: ce la faccio? 
Sul sul blog ci si diverte un sacco a leggere le avventure della sua famiglia che è composta da suo marito Matteo e i suoi due figli Biondazzurra e Killò. Nonostante Barbara talvolta tratti tempi non sempre leggeri come il cucito, ad esempio la sindrome di Down, vi assicuro che i suoi post sono sempre piacevolissimi da leggere e anche se vi faranno riflettere e mettere in moto le rotelline del cervello non avrete mai l'impressione di aver letto un post tropo serio o pesante. Forse questo è uno dei suoi pregi e tutti coloro che la seguono l'adorano tanto che riesce a far prendere in mano l'ago davvero a tutti! Se non ci credete andate a controllare quante persone hanno creato una Simonetta o un Mostro Buono mangia mostri! 
Un altro motivo per cui vi consiglio di seguire Barbara è il suo impegno nel diffondere informazioni corrette sulla sindrome di Down. Ed anche in questo intento secondo me si merita il massimo dei voti perchè i suoi post che trattano questo tema sono veramente belli! Ma belli belli davvero. Raccontano cose di ogni giorno, progetti, speranze e regalano tanti consigli utili e pratici. Sinceramente non saprei quale consigliarvi di leggere... Ve ne elenco alcuni, quelli che mi son piaciuti di più:
La Sindrome di Down: mail di Natale.
Parliamone, con Stima, a lungo
Giornata Mondiale della Sindrome di Down 2012
Baby modello con la Sindrome di Down
Mi piace il modo in cui Barbara ci insegna quali sono le parole giuste da utilizzare quando parliamo di una persona che ha la sindrome di Down perchè lo fa con naturalezza ma grande impegno. E questo è bello perchè ho fatto una gran fatica a scrivere questo post. Mi spiego meglio: volevo porre l'attenzione sulla sindrome di Down e sui tanti pregiudizi che condizionano le persone ma pensando a Barbara e al suo blog mi vengono in mente solamente storie comuni... Un blog come un altro in cui si racconta di un bimbo che si diverte con la sorellina, che fa esercizi divertentissimi insieme a tutta la famiglia per correggere i piedi piatti, un bimbo che ha da poco terminato il nido e che si mette il gel! E il fatto che lui abbia la sindrome di Down è solo un particolare tra gli altri che lo distinguino da ogni altro bimbo. 
Quindi Barbara è sicuramente riuscita nel suo intento. E' riuscita a trasmettere il messaggio che Killò è un bimbo come lo sono tanti altri. Certo non possiamo nascondere che deve affrontare difficoltà maggiori rispetto ad altri bimbi ma tutta la sua famiglia lo aiuta a raggiungere i traguardi. Killò ha dei simpaticissimi occhiali blu e la lingua che spesso esce dalle labbra. Barbara dice che Killò con quella lingua riesce a fare delle linguacce incredibili. E sapete che vi chiedo oggi? Chiedo a tutti, chiunque passi di qui, di fare pure voi una bella linguaccia alla sindrome di Down. Ma in maniera intelligente però! Ad esempio leggendo il blog di Barbara, condividendo in rete i suoi post. Soprattutto quelli in cui Barbara suggerisce link di corretta informazione come questo. Grazie alla condivisione raggiungeremo tante persone e contribuiremo tutti insieme a far sparire pregiudizi e informazioni sbagliate. E poi realizzeremo anche un altro piccolo desiderio di Barbara: parlare della sindrome di Down tutto l'anno e non solo il 21 Marzo!
Dopo che avrete fatto il vostro lavoro potrete usare la lingua anche per leccare un ottimo gelato!
30/07/12 h. 20:20
...poco fa ho riletto il commento di Barbara e pensavo che magari qualcuno ha voglia di scrivere un post linkando siti impegnati nella diffusione di corretta informazione sulla sindrome di Down e magari aggiungere una foto con una bella linguaccia... Una bella raccolta di foto simpatiche contro i pregiudizi!
Per chi ha 54 minuti di tempo libero, (ah ah ah), consiglio questo documentario che ho scoperto poco dopo aver finito di scrivere questo post e che racconta l'esperienza di un ragazzo con la sindrome di Down che sta frequentando l'università:
CI PROVO (TRY I WILL) 

22 commenti:

  1. Bellissimo post, grazie per aver trovato il tempo di pubblicarlo! Vado subito a conoscere Barbara e la sua famiglia! Un abbraccio a te e topastro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana! Sono contenta di aver scritto questo post perchè son sicura che ci sono tante persone che non conoscono Barbara e saranno felici di leggere il suo blog!

      Elimina
  2. Come sempre bello ed interessante

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il tuo post su Barbara e sulla sua fantastica famiglia... Io ho avuto modo di conoscerla sul web poco tempo fa, perchè entrambe condividiamo la genitorialità speciale di un bimbo con sindrome di down. Ma ho imparato che qualsiasi genitorialità è speciale a modo suo, proprio perchè ogni bambino è diverso e unico, nel bene e nel male... un abbraccio al topastro e a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao guardaconilcuore! Ho scoperto oggi il tuo blog e mi piace moltissimo! Quello che scrivi è davvero verissimo! Ogni bimbo è speciale e ha bisogno di diversi stimoli, limiti, insegnamenti, suggerimenti...

      Elimina
  4. Bellissimo il tuo post, conosco Barbara e sottoscrivo la tua opinione. Ti ringrazio per questo invito che raccolgo al volo: tre bimbi bellissimi, due mamme speciali in un unico post :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Jessica. Io spero di poter incontrare Barbara dal vivo, sarebbe bello prendersi un gelato insieme mentre i bimbi giocano!

      Elimina
  5. Cara Claudia, mi hai dedicato un reportage completissimo, con tantissimi link da leggere.
    E' bellissima l'immagine di tanti lettori del tuo blog, pronti a lanciarsi in una linguaccia globale verso la Sindrome di Down o ancora meglio, verso quest'idea antiquata e soprattutto sbagliata che ne abbiamo.
    Ne abbiamo, sì, perchè io, fino a tre anni fa, ero certa che l'immagine di bambinoni sorridenti e semplici, fosse proprio corretta. Ora, che sono passata dall'altra parte, mi accorgo di quanto sia sbagliata, assurda e ingiusta. E lo dico, sul mio blog.:)
    tu dici che "Grazie alla condivisione raggiungeremo tante persone e contribuiremo tutti insieme a far sparire pregiudizi e informazioni sbagliate." ed è un sogno grande, in cui credo e voglio credere profondamente.
    grazie

    p.s. vedo che anche il topastro a lingua non è messo male :)))))))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma te li immagini? Tutti che fanno una bella linguaccia :-P
      Mi hai fatto venire un'idea eh eh

      Elimina
    2. Ahahhahah ho visto :)
      Sei pazzerella, ma per davvero :))))))))

      Elimina
    3. Sarà il caldo ah ah! Sto sudando come un cammello :-D

      Elimina
  6. Quanto hai ragione! Barbara riesce a conquistare tutti, è davvero unica!

    RispondiElimina
  7. Grazie Claudia, per aver segnalato il blog di Barbara!! Piu' informazioni corrette noi genitori abbiamo, piu' ci e' facile insegnare ai nostri figli a vedere col cuore, e non solo con gli occhi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bellissimo commento Moky! Dovremmo cercare di guardare più spesso con il cuore :-)

      Elimina
  8. Bello, bello, bello! :)
    Questi tuoi post di spessore mi piacciono sempre, Barbara poi me l'hai fatta conoscere tu, per cui vale doppio! :)
    Da quando seguo Barbara e la sua famiglia - perchè è un po' come essere loro vicini di casa a volte, chè un tuffetto nella piscina azzurra me lo farei pure io... - guardo le persone con sindrome di Down con occhi diversi, non che non ne avessi mai visti o frequentati, ma ora mi scatta un sorriso automatico, forse pensando ai piedi sorridenti di Barbara.
    Questa settimana sono andata sulle giostre con mia figlia e quando l'addetto a controllare se tutti avessimo allacciato correttamente la cintura è passato dal ragazzo dietro di me (con SdD, al luna park con un gruppo di amici adolescenti), ho visto il suo sguardo fiero e al contempo felice e ho pensato che poteva essere killò tra qualche anno :)

    Ci sono ancora persone che distolgono lo sguardo da chi ha l'evidenza di qualcosa che si conosce poco (anche solo p.e. la psoriasi spaventa chi non sa bene cosa sia), conoscere è fondamentale, è un modo semplice e efficacissimo per avvicinare e anullare barriere erette per mera ignoranza.

    Condivido subito il tuo post e ricondivido qualcuno di quelli di Barbata... ciao a tutte e due e ...ovviamente la mia linguaccia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Cì per il tuo entusiasmo! Ormai sai bene che ci sono Associazioni e persone che mi sono care e di cui mi piace parlare ogni tanto!
      Quello che scrivi è molto vero, pure a me pare di essere vicina di casa di Barbara! E quanto hai ragione che la conoscenza scaccia la paura e abbatte i pregiudizi. Per fortuna in rete ci sono tante persone come te disposte a impegnarsi nel diffondere notizie molto utili e fare qualcosa per aiutare! Evviva le linguacce :-P

      Elimina
  9. Vi seguirò entrambe con interesse! Brave mamme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao DadaPasticciona non ti conoscevo. Hai un bel blog!

      Elimina
  10. torno oggi dalle ferie e uno dei primi post che leggo è il tuo....e mi hai messo addosso tanta energia positiva di chi sa che l'unione fa la forza. Perciò il minimo che posso fare è condividere quello che hai scritto e ringraziarti per le tue idee, che non sono da tutti.
    Sono sicura che a molti piacerebbe essere d'aiuto per "buone cause" come queste, ma spesso non sanno come fare, da dove partire......e invece basta anche solo in piccolo gesto come il tuo per fare molto!
    Spero di essermi spiegata bene!
    Jessica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MammaGiochiamo :-)
      Grazie per la condivisione ed hai proprio ragione: a volte basta davvero un piccolissimo gesto per iniziare a cambiare il mondo. Certo la strada da fare è davvero lunga ma l'importante è cominciare a camminare!

      Elimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.