martedì 29 dicembre 2015

Incontro LIA dicembre 2015 - IRONIA

Nel tardo pomeriggio di ieri si è svolto presso Cartamarea, (libreria per ragazzi a Cesenatico), l'incontro LIA del mese di dicembre il cui tema è "IRONIA".
Dopo aver letto la definizione di ironia, che non era così ristretta come pensavamo, ogni partecipante ha proposto alcuni libri.
Dal dizionario online Garzanti - http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=ironia
1. particolare modo di esprimersi che conferisce alle parole un significato contrario o diverso da quello letterale, con intento critico o derisorio: ironia fine, pungente, grossolana...
2. scherno, dileggio: uno sguardo, un sorriso pieno d’ironia |ironia della sorte, della vita, del destino, evento imprevedibile che sembra beffarsi delle aspettative di qualcuno
3. finzione, simulazione
(sarcasmo1. ironia pungente, amara, che intende offendere o ferire: una frase, una risposta piena di sarcasmo; fare del sarcasmo)
Qui sotto potete trovare l'elenco dei libri che sono stati proposti dal nostro piccolo ma simpaticissimo gruppo LIA, (dove non mancano mai anche biscottini, pasticcini e the per accompagnare la discussione sui libri o una breve lettura).
o Non ho fatto i compiti perché... - DavideCalì e Benjamin Chaud. Un'ironia simpatica che illustra le scuse più fantasiose che uno studente può raccontare per giustificare il fatto di non aver svolto i compiti assegnati dalla maestra.
o Sono arrivato in ritardo perché… - Davide Calì e Benjamin Chaud. Elenco di scuse non banali sul perché si è arrivati in ritardo a un appuntamento! Samuele ci tiene a precisare che son tutte bugie tranne l'ultima!
o Consigli alle bambine Mark Twain e Vladimir Radunsky. Forse non proprio il libro più adatto da regalare a una bambina visto che alcuni dei consigli si possono catalogare come ironia abbastanza malvagia, altri sono molto simpatici. "Se ti capita di dover rimproverare tuo fratello, non c’è bisogno del fango – evita in ogni modo di gettarglielo addosso, o potresti rovinargli i vestiti. Sarà più comodo ottenere i risultati sperati con una piccola scottatura. Questa servirà a richiamare subito la sua attenzione sulla lezione che stai cercando di inculcargli, e in più l’acqua bollente aiuterà a purificarlo da ogni macchia, possibilmente anche della pelle, brufoli compresi.Consigli alle bambine, di Mark Twain e Vladimir Radunsky
Vestiario-Bestiario - Vladimir Radunsky. Un libro molto particolare dominato dalle immagini che ritraggono vestiti per varie specie animali: i pantaloni da equitazione della Cavalla Margherita, cravatta della giraffa Chuck, costume da bagno di cucciola di ippopotamo, pantofole di Babar re degli Elefanti... Chiaramente ogni capo di abbigliamento ha un riferimento ironico riguardante una caratteristica dell'animale. B/Vestiario di Radunsky: avete mai visto il vestito da sposa dell'anaconda?
Bestiario - Jean Fugère e S. Poulin. "Bestiario: audacia, immaginazione e qualità artistico-letteraria in forma di libro. Le illustrazioni di Stéphane Poulin formano un binomio perfetto con il prologo di Jean Fugère, che porta a termine un esercizio di stile colmo di destrezza. Un testo introspettivo, in costante bilico tra realtà e surrealtà, che si radica nell'anima. Un linguaggio disinibito ed evocatore che gioca con il doppio senso. Un mondo pieno di riferimenti all'arte di Magritte, Hopper o Van Gogh"
o L'omino e Dio - Kitty Crowther"Una mattina, Omino fa la sua passeggiata. Ai bordi del sentiero, incontra una cosa. «Non aver paura», dice la cosa. Si fa presto a dire..., pensa l’omino. «Chi sei?» domanda educatamente. «Sono Dio» «Sei Dio? Il DIO? Non ti immaginavo assolutamente così.» Ha inizio così il dialogo fra Omino e Dio. Intorno a loro, una natura animata dal soffio vitale che trascorre in ogni cosa. Sotto gli occhi del lettore, la bellezza del creato si tinge dello splendore della presenza divina. Finché, al termine della giornata, viene il momento degli addii: Omino e Dio si lasciano. Ognuno per tornare ai propri luoghi, pieno del mistero insondabile dell’incontro con l’altro.
o Piccole pesti - Manuela Olten. Simpaticissimo libro che inizialmente sembra scritto da parte di due piccole pesti, (maschi), per elencare e deridere le femmine alludendo ai vari stereotipi di genere ma... Una bella recensione qui: Maschi e femmine (non) sono uguali?
o Ultime notizie dal mio gatto - Gilles Bachelet. La storia di un tenerissimo elefante che si crede un gatto e come tale si comporta creando al suo padrone non pochi problemi tra cui quello della ricerca di una casa più grande :-)
o Il mostro peloso -   Henriette Bichonnier. Questo libro non credo abbia bisogno di presentazione ma se non lo conoscete guardate il video racconto a questo link per scoprire come una bimba un pochino disobbediente riesce a far arrabbiare un bruttissimo mostro: https://www.youtube.com/watch?v=kUb4iMwmxr8
o Che schifo le lumache - Michael Escoffier e Kris Di Giacomo. Come papà rospo riesce a far mangiare al figlio le lumache facendogli credere siano fate. L'illustrazione in cui il papà mostra al figlio, (che ancora non sa leggere), la ricetta, per convincerlo che nel suo piatto c'è veramente una torta di fate, è assolutamente all'altezza delle bugie inventate da tanti genitori per fare mangiare le verdure o altri alimenti ai propri bambini! 
o Un piccolo cappuccetto rosso -  Leray Marjolaine. Questo libro è simpaticissimo!!! Non lo conoscevo e mi è piaciuto davvero tanto. Un lupo abbozzato a matita, spelacchiato, con i denti irregolari, gli occhi dolci, un  lupo che mi ha trasmesso tenerezza. Eppure è un lupo cattivo e vuole mangiarsi la solita cappuccetto rosso che però, quando lui pronuncia la fatidica frase "ti mangio!" risponde "no" e accusa il lupo di avere l'alito puzzolente. Non è corretto raccontare il finale, aggiungo solo che cappuccetto rosso, da brava bambina qual è, gli offre una caramellina e il lupo accetta... 
Un cappuccetto rosso che si discosta dai canoni tradizionali e si dimostra meno ingenuo di quello della fiaba originale e un lupo che non è così furbo.
Sono stati presentati anche un paio di albi, (di cui uno con abbastanza vecchio con bellissime illustrazioni classiche), con raccolte di favole in cui è presente l'ironia come "Il leone, la volpe e il cervo" e simili.
Al prossimo appuntamento!!!

Nessun commento:

Posta un commento

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.