martedì 2 marzo 2010

Costruiamo un trenino con tappi e vaschette di plastica

Nei giorni scorsi ero alla ricerca di qualche idea carina per utilizzare i tappi di plastica di bottiglie e contenitori che sto mettendo da parte. Utilizzando un motore di ricerca ho trovato molti lavoretti simpatici che si possono fare utilizzando i tappi ma questo mi ha colpito in particolar modo: Idee per riciclare le bottiglie: creiamo un trattore. Al mio Topastro sarebbe piaciuto moltissimo un trattore rosso e nero come quello trovato su paneamoreecreatività.
Un pomeriggio, troppo freddo per uscire a passeggiare ho deciso di costruirne uno simile ma in casa non avevamo bottiglie di plastica a base quadrata che sono state utilizzate per costruire il trattore.
Ho ispezionato casa alla ricerca di un'alternativa e ho trovato le vaschette di plastica trasparente che i supermercati utilizzano per confezionare carota, cipolla, sedano... (una o due volte a settimana preparo il brodo da congelare per il Topastro e quindi le vaschette abbondano). 
Ho pensato che potevo utilizzare quelle vaschette in sostituzione alla bottiglia di plastica. Insieme al Topo ho raccolto gli oggetti che ci servivano: nastro isolante, colla a caldo, martello, un chiodino, tappi di plastica, bastoncini di legno per spiedini, forbici, cutter, ago e filo, due gancetti di plastica.
Non posseggo un trapano e quindi ho bucato i tappi di plastica utilizzando un chiodino e il martello. Ho poi allargato il buco con un piccolo cacciavite. Bucando uno dei tappi mi sono anche data una martellata sul dito e il Topo si è offerto di darmi un bacio sulla bua. Non mi sono fatta male, è stata una martellata soft ma un bacetto si accetta sempre volentieri.
Ho fatto quattro forellini sulle vaschette di plastica per poter infilare i bastoncini di legnon e mentre mi accingevo a infilare le ruote nei bastoncini ho avuto una specie di illuminazione. perchè non fare un trenino invece di un trattore con rimorchio? Non che al Topo non piacciano i trattori, anzi... però l'idea del trenino mi ispirava di più. Inoltre avevo già realizzato un trenino con le scatole del the e dei bottoni lo scorso Halloween.
 
Ho deciso di fare una locomotiva e un solo vagone perchè non avevo altre vaschette di plastica in casa perchè le usiamo anche per metterci i colori per dipingere e altre cose. Ho fissato i tappi al bastoncino di legno, sopo averlo infilato nella vaschetta di plastica, con un po' di colla a caldo, sia all'interno che all'esterno.
Ho incollato con la colla a caldo una vaschetta rovesciata sopra una a cui avevo montato le ruote per creare la base della locomotiva. Con la quarta vaschetta ho ultimato la locomotiva. Ho tagliato la vaschetta in due parti che ho poi unito con la colla a caldo e successivamente fissato sulla base. Penso che le immagini rendano più delle mie parole. A questo punto si iniziava ad intravvedere la forma finale del nostro trenino. Ho incollato un tappo che funge da camino, perchè a casa nostra i treni devono fare il fumo.
Ma non solo, ogni trenino che si rispetti deve avere almeno occhi e bocca perchè i bimbi di oggi adorano il famoso trenino blu con la faccina. 
Ho preso due bottoncini di metallo, quelli per jeans, (ne ho una scatolina piena, sono quelli di ricambio), e un pezzettino di stoffa arancione.
Ed ecco il nostro trenino sorridente! Ho decorato il trenino e il vagone con qualche giro di nastro isolante rosso perchè il Topo voleva lo stesso colore di uno dei suoi treni preferiti. Con ago e filo ho cucito due gancetti, uno alla locomotiva ed uno al vagone. Sono dei gancetti di plastica per tende che mi sono avanzati. In questo modo la locomotiva può aggangiare il vagone e trasportare qualche oggetto.
Ed eccolo qui! Non so se somiglia proprio ad un trenino, però al Topo è piaciuto molto e ci ha caricato le scatoline vuote dei bottoncini di cioccolato. Dimenticavo, ho inserito un pezzo di carta bianca nella vaschetta tagliata a metà in modo da far risaltare di più gli occhi e la bocca. Il Topastro si è divertito molto a passarmi gli attrezzi e dopo poco, visto che alcuni non poteva toccarli, è andato a prendere il suo martello, pinze, viti... insomma la sua cassetta degli attrezzi completa e si messo sulla coperta vicino a me a piantare i suoi chiodi giganti sui tappi di plastica. Il trenino gli è piaciuto così tanto che questa mattina ha voluto portarlo al nido e ha detto alla maestra che aveva portato il treno che aveva fatto insieme alla mamma!
Il mio Topastro va matto per i trenini ma ama follemente anche Pingu, due passioni che lo stanno accompagnando da parecchio tempo :-)
Se avete voglia di costruire Pingu e la sorellina Pinga con materiali riciclati, date un'occhiata a questo bellissimo post di Paola, HomeMadeMamma:

9 commenti:

  1. fantastico.... tutta testa quella lì.... tutta testa l'ho sempre detto

    RispondiElimina
  2. Sei semplicemente geniale,veramente!i tuoi trenini sono bellissimi,chissà topastro com'è orgoglioso della sua mamma.Un bacione a tutti e due.

    RispondiElimina
  3. Ma non ho parole davvero!!! Che pazienza e che ingegno ... bravissimiiiiiii :-)))

    RispondiElimina
  4. ciao claudia, il tuo blog è bellissimo! verrò a trovarti spesso! grazie per la visita e per i commenti

    RispondiElimina
  5. veramente una bella idea... evviva il riciclo!!!!

    RispondiElimina
  6. UUUUU che braviiii!!! Che bella idea. Bravissimi ^___^

    RispondiElimina
  7. Leggevo, leggevo e leggevo e mi chiedevo quando avresti detto che avresti fatto un treno al posto del trattore :-)
    Brava, ottima idea e soprattutto viva il riciclo!
    Ma è vero che con i tappi di plastica delle bottiglie ci comprano le carrozzelle???
    Baci al Topastro!

    RispondiElimina
  8. Ma che bellino..BRAVI..pure io, pure io..proprio una bella idea. Sono questi i giochi che valgono di più(..anche se uno si acciacca il ditone ,no!!!!) ^.^

    RispondiElimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.