venerdì 30 aprile 2010

Topo vs Pappa 3-0

Questo è un post molto ironico e poco serio che racconta dello strano rapporto che ha il Topastro con il cibo.
Ho deciso di scriverlo perchè so che ci sono tante mamme che si preoccupano perchè il proprio pargoletto mangia poco o rifiuta alcuni cibi. Io non sono un'esperta e posso dare pochi consigli. Però posso farvi sorridere, soprattutto la mamma che ieri ha scritto: La pappa no
Cominciamo dall'inizio... il Topastro si è nutrito solamente di latte artificiale fino all'età di cinque mesi. Ha iniziato a dormire tutta la notte nello stesso periodo. Su suggerimento della pediatra, a cinque mesi compiuti, ho iniziato a fargli assaggiare la frutta e le classiche pappine composte da brodo vegetale e farina o crema di cereali. Quando è nato il Topastro mi sarebbe piaciuto comprare quel piccolo robot da cucina che cuoce e frulla le pappe per i bimbi, ...meno male che non l'ho mai comprato perchè non credo l'avrei utilizzato tanto! Poco prima di iniziare lo svezzamento il Topo ha ricevuto in dono un cucchiaio in modo da prendere confidenza con questo nuovo oggetto.
"Cos'è 'sta roba qua?"
Per primo il Topo ha assaggiato un omogeneizzato alla frutta e gli è piaciuto! La pediatra mi aveva dato un piccolo foglietto con le istruzioni per preparare le prime pappine e io l'ho seguito alla lettera... Magari non sarò stata una gran cuoca ma il piccolo Topastro mi fece capire che la pappa non gli piaceva tanto quanto la frutta. Dopo una settimana di pappine sputate mi son decisa a telefonare alla pediatra che, (dopo aver saputo che il Topo gradiva la frutta), mi ha suggerito di preparare il brodo con carota, zucchina, patata e qualche pezzetto di mela o pera ed eventualmente di aggiungere un pochino di frutta frullata alla pappa prima di servirla al Topo. Questa pappa di verdura e frutta non dispiaceva troppo al Topo ma non impazziva neppure nel mangiarla e non c'è mai stato modo di poter aggiungere la carne alla pappa, credo sentisse l'odore a distanza di un metro perchè non apriva neppure la bocca!
La mia pediatra è davvero la miglior pediatra al mondo e io mi sento fortunatissima ad aver scelto lei su suggerimento di un'amica. Non mi ha mai fatto preoccupare e ha sempre cercato di sdrammatizzare riguardo il cibo che il Topo non mangiava. Anche se era piccolino mi ha comunque suggerito di provare a introdurre una pastina di formato piccolo. Prova e riprova verso i nove mesi il Topo ha scoperto un cibo che gli piaceva: filini al formaggio. Topastro si è nutrito dai nove mesi fino ai diciotto circa di soli spaghetti fatti a pezzi conditi con il formaggino.

Ho provato a usare del formaggio fresco ma lui mangiava solo spaghetti con il formaggino confezionato. Spezzavo gli spaghetti, mi pare la misura uno, quelli sottili, prima di cuocerli e poi li condivo. Devo dire che prepare i pasti era davvero veloce! Non è che nel frattempo io non abbia mai provato a proporre cibi diversi, tante volte gli presentavo qualcosa di diverso ma lui chiudeva la bocca. E non lo si fregava mica... ripeto, se si accorgeva che gli spaghetti non erano conditi con il suo solito formaggino: digiuno!
A dodici mesi il Topo ha iniziato a frequentare il nido. Tutti mi dicevano che i bimbi che hanno problemi con il cibo, all'asilo mangiano! In parte è stato così. Dopo i primi giorni in cui si fermava a pranzo al nido, (completo digiuno), ha iniziato ad assaggiare qualcosa e piano piano a mangiare. Ma solo quello che gli piaceva. Esclusivamente primi piatti. Guai a presentargli il secondo: a casa lanciava il piatto dal seggiolone e all'asilo si metteva a piangere appena glielo portavano. 
Oltre agli spaghetti con il formaggino il Topo ha continuato a nutrirsi di latte, yogurt, biscotti e frutta. Dopo tanti mesi di spaghetti ha accettato alcuni formati di pasta diversa come penne e farfalline, sempre condite con il formaggino. Ma non tutti i formati i pasta gli andavano a genio. Nel frattempo ha imparato a parlare e a dare un nome a ciò che mangiava: pappa maggio (pappa con il formaggio).
Ogni giorno lui mangiava la sua pappa maggio ma era libero di assaggiare qualsiasi altro cibo che veniva preparato in casa, cosa che non ha quasi mai fatto :-)
Sono stati fatti anche diversi esperimenti riguardo il luogo dove si mangia. Ovvero sul seggiolone, sull'alzasedia, a tavola con gli adulti, sul tavolino piccolo, in casa, in balcone. In bagno non abbiamo mai provato.
Una mamma che conosco mi ha detto che quando suo figlio proprio non vuole mangiare lo fa giocare con l'acqua nel bidet, cosa che lui gradisce molto, e intanto lei gli da la pappa.
"mi metto comodo per mangiare la frutta"
Dunque, dove eravamo rimasti... ah si! La pappa maggio. Crescendo il Topo ha scoperto altri cibi che gli piacevano e dopo la lunghissima fase "pappa maggio" siamo passati alla pappa doro (pappa con il pomodoro). Un brevissimo periodo di trofie al pesto e la famosissima ed ancora di moda in casa Topastro; pappa bodo (pappa in brodo).
Trattasi di raviolini al formaggio cotti in brodo di carne, (ssshhh il Topo non sa che il brodo è fatto con la carne).
"mmmhhh ?-ç°§*?!/"! "
Ora credo siano circa sei mesi che il Topo tutte le sere mangia i raviolini al formaggio in brodo. Quasi ogni domenica preparo la pizza che gli piace parecchio. Non gli dispice mangiare qualche fetta di speck ogni tanto e adora yogurt, biscotti, cioccolato, merendine, caramelle, gelato, succhi di frutta...
La carne non è assolutamente contemplata nella sua dieta. Ogni tanto faccio finta di niente e gliela preparo; si arrabbia tantissimo! Ora che è grandino ha imparato a non lanciare il piatto dal tavolo se il cibo contenuto non è di suo gradimento ma non lo vuole assolutamente davanti a sè. Mucca e Pollo, i due quattro-zampe di casa si sono mangiati parecchie pappine e cibi preparati per il Topastro in questi anni.
Mucca e Pollo: "lancia, lancia ancora la pappa che ci pensiamo noi a pulire"
Quando vado a prendere il Topo al nido alle 12.30 la maestra mi dice se è successo qualcosa di particolare e cosa e quanto ha mangiato. Solitamente io e la mamma di Fefani andiamo insieme a ritirare i pupi e la maestra comunica: oggi Fefani ha mangiato tutto il primo, ha fatto il bis, ha mangiato il secondo e il contorno. Topastro oggi ha mangiato quasi tutto il primo.
Talvolta Topo all'asilo gioca con il secondo, ogni tanto lo assaggia e molto raramente mangia tutto il secondo, (forse una volta al mese). Quando va male la maestra dice: oggi Topastro non ha mangiato niente. E io: niente niente? E lei: si, oggi proprio niente. Succede, spesso senza motivo, altre volte perchè c'è un cibo che proprio non gli piace, magari è il mese del Ramadan?
E qualche volta perchè ha male alla gola. Quando Topastro ha male alla gola è possibile che in 24 ore lui si nutra solo di un biberon di latte e uno yogurt.
E ...no, non si sveglia la notte perchè ha fame :-)
Cosa vogliamo fare? Niente. Il Topo è il Topo! E io lo amo anche se mangia poco. La pediatra ride e ogni tanto gli dice: bravo Topastro, ti è spuntato un altro dentino, ora potresti mangiare tante pappe buone :-)
Ma lui è un vero Topo, ora che ci penso lo è davvero di nome e di fatto! Mangia pochino e credo che quel poco gli sia sufficiente perchè è vivace, energico e in salute. Fa 100 km con un litro di latte! Certe volte fa il criceto, il parente del Topo. Per fare felice mamma o la maestra ogni tanto accetta di mettere in bocca un pezzo di ciccia e la conserva nella guancia anche per un'ora, poi si stanca e la sputa.
Topo steso sulla brandina di Mucca e Pollo
Ho provato anche a creare dei piatti divertenti come i funghetti con uovo e pomodoro e dei bellissimi tramezzini a forma di gatto con prosciutto e verdure. Al Topo piace il ketchup e pur di fargli mangiare un po' di carne ho anche provato a cucinargli una cotoletta che ho poi ricoperto interamente di quella bella salsa rossa. Lui ha leccato tutto il ketchup...
Spero di aver fatto sorridere tutte le mamme che hanno un bimbo che vive d'aria come il mio! Mi è capitato di leggere qualche articolo sul problema pappa e ve lo segnalo. Non ho mai comprato nessun libro che si trova in commercio con varie tecniche per far mangiare i bimbi perchè non mi sento così tanta preoccupata. Dopo aver letto questo articolo
Si mangia, il metodo Estivill per far mangiare i bambini ho provato a mettere in atto alcuni dei suggerimenti, (anche se non ho letto il libro), come fare dei bellissimi disegni sulla tovaglietta del Topastro ma senza nessun risultato.
E allora concludo...
C'è chi ama la pappa e chi come il Topastro solo il gioco del fare la pappa, lui adora giocare con la sua cucinetta e dare la pappa a Pingu), ma la pappa vera non gli piace!
Lui preferisce mangiarsi una macchinina!
Vi segnalo anche questo post sul blog di Paola: Pappagallo menu e non mi resta che augurarvi tanta, tanta pazienza!

22 commenti:

  1. Ciao Pollon72! Complimenti per il tuo blog e per il tuo Topo!!! E' stupendo!
    Il tuo blog è molto ricco, spero di avere occasione di esplorarlo tutto. Intanto ho guardato con tanta tanta invidia la cucina del Topo.. è un progetto che sto coltivando da tempo per il mio bimbo "grande" e per ora ho realizzato solo con un cartone da trasloco (è riciclo anche questo, no?).
    Grazie di essere passata sul mio blog, così ho avuto occasione di conoscerti!!
    ciao e a presto,
    Vogliounamelablu

    RispondiElimina
  2. @vogliounamelablu: anche il Topo ha avuto una cucina realizzata con una scatola di cartone e ci ha giocato parecchio! Anche io vengo spesso a sbirciare nel tuo blog :-)

    RispondiElimina
  3. eccomi!!! Sono venuta appena letto il messaggio!!!
    Il tuo topo è vegetariano :) comunque mi consolo perchè il mio qualcosa di più assaggia ed è soprattutto la sera che digiuna (anche questa sgrunt) però sto cercando di prenderla con filosofia e quando sto per innervosirmi inizio a canticchiare "non mi arrabbio, non me la prendo e reeeeeeeeespiro" stasera è andata bene!!
    grazie Claudia del bel post!!!!
    Un bacio e buona notte!!!

    RispondiElimina
  4. ...Memole è esattamente il contrario del topo: mangia tutto, TUTTO tranne yogurt (solo actimel) e frutta che non sono mai riuscita a fargliela mangiare. e ho provato di tutto eh, compreso frutti tropicali strambi. ma nulla, non c'è maniera...pensa però che non è attratta dalle caramelle né dalla cioccolata..io non insisto :)
    credo che la miglior forma sia non stressarsi e accettare un pò i suoi momenti (lei va a momenti). e poi non gettare la spugna e ogni tanto ritentare!!

    RispondiElimina
  5. Mi ricordo bene come scoprimmo che gli piaceva la pasta col formaggino!
    E' vero che non bisogna preoccuparsi e stressarsi ma confesso che ci sono state tante volte che fino a che non gli ho visto mettere in bocca il primo cucchiaino di pappa, masticare ed ingoiare sono stato col fiato sospeso, sentivo quasi un peso allo stomaco, soprattutto quando erano giorni che non mangiava. Invece se non mangiava c'era anche un piccolo senso di colpa. Non so se per le altre mamme o gli altri papà è così.
    Come è bello vedere mangiare il proprio bimbo, soprattutto quando lo fa con piacere e gusto.
    Comunque sono felice che il Topastro abbia cambiato un po' i suoi gusti.
    Un abbraccio ad entrambi ed un bacio al Topo, smack!

    RispondiElimina
  6. Ciao cara, che bel post!
    Condivido appieno: il Topo è il Topo! C'è chi ama mangiare la pappa e chi ama solo il gioco di fare la pappa...
    PF ha sempre mangiato di tutto e così il momento della pappa non ci ha mai dato grossi problemi, in compenso però non dormiva mai :-( ... ma mai mai!!
    Bellissimissime le fotine del Topastro...
    bacioni

    RispondiElimina
  7. @Paola: mai mai mai? Caspiterina, deve essere stato un periodo davvero duro....

    RispondiElimina
  8. Anche Orli dico sempre che vive di aria, se me l'avessero detto prima com'era non ci avrei creduto ma è così. Sono stata fortunata ad andare in vacanza l'anno scorso con un altro "mangiatore di aria" e ho imparato a convivere con l'idea grazie alla rassegnazione e alla pazienza della sua mamma. Adesso non mi preoccupo per Orli ho visto che poi comunque in qualche modo riprende (latte, yogurt, aria fritta :-), bel post, grazie!

    RispondiElimina
  9. @silvia: aria fritta? Mi passi la ricetta? Sono sicura che al Topastro piacerebbe moltissimo :-)

    RispondiElimina
  10. Già Claudia... mai, mai ,mai: dalle 20.30 alle 6.00 di mattina sveglie ogni 45 minuti per 1 anno intero! E di giorno? Vispo ed attivo come un fringuello, per lo meno LUI! :-(
    Ma poi passa e non sembra così brutto... più o meno. ;-)
    bacioni e buona settimana

    RispondiElimina
  11. @Paola: spero ti abbiano almeno dato una medaglia! ...adesso ho capito il perchè del nome Piccolo Furfante :-)

    RispondiElimina
  12. Ciao Claudia, ti ho scoperto per caso e ho visto quello che "fabbrichi", sono cose bellissime. Se ti puoi servire, buttala sulla manualità anche in cucina, coinvolgendo il bimbo nelle varie preparazioni... Giulia (oggi 2.5 anni) un tempo non era una mangiona, ma stava volentieri con me in cucina, anche quando era piccola (6-7 mesi) le parlavo, le spiegavo cosa facevo... crescendo, non mangiava grandi quantità, ma ha sempre voluto assaggiare tutto. Comunque, non preoccuparti perchè cresce bellissimo! ps. Estrivil è agghiacciante. Un saluto, Silvia (ora ti metto nei preferiti)

    RispondiElimina
  13. @Anonimo Silvia: grazie, proverò a farlo pasticciare in cucina, solitamente il Topastro mi aiuta a preparare la pizza e i dolcetti.
    A me Estivill non dispiace, ho letto il libro Fate la nanna e mi è stato utile. Se seguito proprio alla lettere e senza eccezioni il suo metodo può sempre troppo duro ma come dice Yummymummy, ci vuole buonsenso :-)

    RispondiElimina
  14. no estivill proprio no, sono contro in tutto e per tutto
    io ho usato come una bibbia Il linguaggio segreto dei bambini, della hoggs, e le farei un monumento, perchè appena ho capito come applicare il metodo easy alla mia bimba, è stata tutta una discesa... l'inizio svezzamento non è stato semplice, ma messe da parte le pppe bianche brodaglie, ha iniziato a mangiare e di gusto! certo come ogni bimbo anche lei ha le sue preferenze... siamo nel periodo che schifo la carne e le verdure, mentre divora primi piatti, grana, pizza, prosciutto, frutta e inutile a dirlo, dolci. Frullo carne e verdure e gliele propongo due tre volte la settimana, funziona dopo le prime storie, purchè non le veda in forma originale! credo ogni mamma abbia la sua storia dal punto di vista cibo, tenendo conto che spesso la riempiamo di significati, del tipo se non mangi non mi vuoi bene, ma te l'ho fatto con tanto amore, e viviamo i rifiuti quasi come rifiuti affettivi... il rapporto col cibo è sempe qualcosa di delicato, da trattare senza forzature e col buonsenso
    quant'è difficile essere buone mamme :-)

    RispondiElimina
  15. Hai ragione Francy, ogni mamma ha la sua storia e bisogna avere tanto buonsenso. E aggiungo che magari un metodo può funzionare con un bimbo e fallire totalmente con un altro :-)
    Io non smetto di tentare, ma sono tranquilla anche se il Topo mangia poco poco.
    Darò un'occhiata al libro che hai citato, ma non credo di comprarlo, appunto perchè non credo che sia un grande problema se il mio bimbo rifiuta alcuni cibi, e finora non ho comprato nessun libro sul "problema cibo".

    RispondiElimina
  16. no rispetto a estivill citavo la questione sonno, quello che dicevo è un libro ottimo da 0 a 6 mesi per impostare il sonno veglia, rapporto che determina le giornate e il tempo libero delle mamme... cresce felice, va bene così, piano piano imparerà a mangiare tutto, non smettere di proporgli cose diverse ;-)
    credo che il fate la nanna di estivill sia un metodo da terroristi, perchè insegna non a dormire, ma a dormire per terrore di essere ignorati e lasiati soli, e proprio non rientra nella mia mentalità; desidero che impari cos'è giusto accompagnandola, non che ci sia costretta stile nazista... quello della pappa non l'ho letto, ma m'è bastato l'altro per stargli lontana! ;-)

    RispondiElimina
  17. @Francy: Si, sicuramente non smetterò di presentare al Topastro cibi nuovi, anche perchè molto raramente decide di assaggiare e scopre qualcosa che gli piace, meno male! Grazie del chiarimento sul libro che hai citato. Ho notato che ci sono tantissime mamme che odiano Estivill. A me il libro "Fate la nanna" lo avevano prestato, l'ho letto ho messo in pratica alcuni dei suggerimenti che a me non sembravano così "da terrorista". Ricordo vagamente che c'era scritto ad esempio che se si addormenta un bimbo in braccio o nel lettone di mamma e papà e poi lo si mette nel suo lettino è abbastanza scontato che se si sveglia piange perchè non ritrova la condizione che ha lasciato prima di addormentarsi. Se tornassi indietro lo rileggerei, non credo che il mio Topastro sia rimasto traumatizzato. E ripeto, non credo che debba per forza essere in messo in pratica al 100%. E' davvero bello potersi confrontare con altre mamme nonostante la diversità di opinioni, mentalità, stili di vita, principi in cui si crede. Finora ho sempre incontrato mamme molto intelligenti, come te, con cui si può discutere senza che ognuna affermi: no, tu hai sbagliato, il metodo migliore è quello che ho utilizzato io. Non è mica una cosa da poco :-)
    E sicuramente in questo modo si scoprono tante cose nuove! Se avessi un blog io verrei a leggere ogni riga che scrivi, eh eh

    RispondiElimina
  18. :-) ti ringrazio
    il punto chiave del metodo estivill è il fatto di lasciarlo piangere finchè non si addormenta in una stanza da solo per sfinimento, il che a me non pare un gran metodo; il fatto è che in genere chi approda a quel libro, non lo fa con spirito critico o curioso, ma per disperazione di notti insonni... così ogni metodo lo applica alla lettera, purchè dorma
    estivill a me è sempre parso il libro scritto da un genitore, che incapace di provarne altre ed esasperato dalle notti insonni, è giunto alla sua conclusione universale, che funziona, perchè prima o poi si crolla, adulti e bambini, ma il fatto che funzioni non ne fa il miglior metodo, anche perchè anche le mie amiche che l'hanno "applicato" piangevano a sentire il bimbo che piangeva, raddoppiando il problema.
    :-) beh era giusto per chiarire la mia posizione, non ho la formula magica, ogni bimbo è una persona con la sua storia, il suo contesto e le sue problematiche, però quando mi chiedono, consiglio senz'altro l'altro libro, perchè richiede una sforzo maggiore, ma offre anche il buonsenso e la duttilità che ogni bimbo richiede
    non apro un blog perchè per ora sono molto presa in molte attività e finirei che scrivendo per me non avrei tempo di leggere altro e commentare mamme in gamba come te! :-) non mi taglio la possibilità di imparare qualcosa di nuovo ad ogni vostro post, la mia bimba poi commenta le foto dei vostri lavoretti e dei bimbi, è molto divertente :-) è anche un modo carino per mostrarle giorno dopo giorno un corretto uso del computer, per lavoro, informazione e confronto, sperando sia un insegnamento utile anche per lei, ho il terrore del modo in cui usano il pc gli adolescenti oggi...!

    RispondiElimina
  19. Anche io conosco una mamma che ha applicato il metodo Estivill alla lettera ma penso che non ce la facesse davvero a non dormire niente ogni notte. E' difficile stare svegli tutta la notte e di giorno essere dolci e tranquille con il proprio bimbo. Noi mamme siamo davvero dei piccoli supereroi. Sesso debole? Non dormiamo la notte, di giorno lavoriamo, ci occupiamo dei bimbi e della casa... :-)
    Fai bene ad avere paura di come usano il pc gli adolescenti, sono d'accordo con te. Sicuramente quando io e te eravamo adolescenti i nostri genitori si preoccupavano per altre cose, e non so dire se il mondo di oggi è peggio di quello ieri... La tua bimba deve essere davvero fortissima. Topastro invece quando io sono al pc si siede sulla scrivania che ho messo a fianco della mia, (lui dice: scrivamia, scrivatua). Prende il suo computer di Manny e gioca due minuti poi vuole giocare con il mio perchè è molto più divertente!

    RispondiElimina
  20. Ciao Claudia! Ho scoperto per caso il tuo blog e sempre a caso sono andata aleggere un post...questo qui! Ebbene...mi hai davvero consolato, perchè io ho una bimba che ha 2 anni e 8 mesi e che ha problemi col cibo...diversamente dal tuo bellissimo Topastro lei mangia assolutamente di tutto (pasta, carne, pesce, formaggio, uovo, verdure, legumi, frutta, latte, biscotti) però con il TRASCURABILE particolare che TUTTO deve essere ridotto in crema o sminuzzato al massimo grado perchè che si rifiuta di masticare!
    Ovviamente ho provato periodicamente a introdurre pezzetti più grandi, ma o li ha sputati o peggio stava strozzandosi e a volte ha vomitato. Lei comunque all'asilo andrà a settembre...vedremo lì che succederà!

    RispondiElimina
  21. @maris: noi mamme abbiamo davvero una pazienza infinita. Spero che la tua bimba prima o poi scelga di assaggiare i cibi in versione originale. Il mio Topastro iniziando l'asilo ha fatto dei grandi progressi con la pappa, (al nido mangia cose che a casa non vuole neppure toccare con le mani!). Vedrai che anche la tua bimba a settembre, vedendo gli altri bimbi mangiare il cibo a pezzetti, piano piano vorrà imitarli. Un grosso in bocca la lupo e ...consoliamoci a vicenda :-)

    RispondiElimina
  22. Ti ringrazio Claudia, speriamo bene per l'asilo!In bocca al lupo anche a te e come tu dici...consoliamoci a vicenda :-)
    Grazie anche per essere passata del mio blog: ti ho inserito tra i link amici, così come hai fatto tu con me ;-)

    RispondiElimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.