lunedì 5 novembre 2012

Imparare ad allacciare le scarpe

Durante la prima riunione dell'anno, ultimo anno di scuola infanzia, le maestre hanno chiesto ai genitori di iniziare a rendere autonomi i bimbi. Vestirsi e svestirsi da soli: infilare o sfilare maglietta e pantaloni, allacciare zip e bottoni. Andare in bagno e pulirsi da soli. Togliersi giubbino, berretto e sciarpa all'arrivo a scuola e riporli nell'armadietto.  
Piccole cose quotidiane che molti bimbi sanno già fare più o meno bene ma non tutti. Topastro in tutte queste azioni è quasi autonomo anche se spesso e volentieri chiede aiuto perchè è pigro: finge di non riuscire a infilare un calzino, ad allacciare una zip... 
Trovo che questa richiesta non sia fuori luogo, sia perchè a 5 anni, (alcuni bimbi hanno 5 anni e mezzo), un bimbo è in grado di svolgere queste azioni, riuscire a fare da solo lo gratifica e aumenta la sua autostima e poi perchè si avvicina l'ingresso alla scuola primaria e lì non credo che le maestre o il personale ausiliario aiuti i bimbi a togliere e mettere indumenti o a tirarsi su i pantaloni dopo aver fatto pipì. 
Una delle cose che Topastro non sa proprio fare è allacciare le scape con i lacci. Sa fare i nodi, credo glielo abbia insegnato qualche bimbo al centro estivo, ma non il fiocco. Una mia amica alcuni giorni fa mi raccontava che anche suo figlio, stessa età di Topastro, non sa fare il fiocco con i lacci delle scarpe e così mi sono offerta di preparare due scarpine per far esercitare, giocando, i due bimbi. 
Topastro ha scelto quella bianca con i lacci rossi mentre al suo amichetto regaleremo quella grigia con i lacci bianchi. Quella rossa vediamo, magari la portiamo a scuola. Per creare le scarpine, (o telai delle allacciature), ho usato dei pezzi di tappetini da ginnastica e alcuni di tappeto-puzzle per bambini, calzini, coperchi di plastica di vaschette usa e getta, lacci per scarpe e ritagli pelle sintetica.


Ho ritagliato dal tappetino-puzzle una forma rettangolare con gli angoli smussati. Da un coperchio di plastica di una vaschetta di gelato ho ritagliato una forma uguale e l'ho appoggiata sopra al ritaglio di tappetino. La plastica, o altro materiale simile, serve a rendere rigida la forma della scarpina.
Ho infilato le due forme dentro un calzini, tagliato la parte in eccesso e cucito il lato aperto. Ho ritagliato un lungo rettangolo da un tessuto di pelle o finta pelle, (non ho idea di cosa sia, trovato nelle mie scatole di ritagli e pareva resistente), lungo abbastanza da avvolgere la scarpina. Con la perforatrice per fogli ho praticato tre buchi da una parte e tre dall'altra. 
Ho avvolto la finta pelle attorno alla scarpina e ho cucito sul retro per fare in modo che non sia possibile toglierla e quindi perderla. Non resta che infilare i lacci nei buchi e iniziare a giocare. Vi saprò dire se Topastro, che ha molto apprezzato questa finta scarpina, riuscirà a imparare a fare i fiocchi. Per fortuna abbiamo ancora tanto tempo per esercitarci :-)
Alcuni libri, proposti da Cì, con i laccetti: libri per imparare ad allacciare le stringhe.

26 commenti:

  1. Simpatica Canaglia ha già 6 anni e ha iniziato la scuola primaria ... senza sapersi allacciare le scarpe. Gli avevo preparato una scarpina di cartone con i laccetti, ci ha giocato un pò ma con poca convinzione. Ogni tanto la riprendo e gli mostro come fare un fiocco con le orecchie di un coniglio ma per ora pochi risultati, meno male che ci sono le scarpe con la chiusura a velcro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mammozza anche io compro quasi esclusivamente scarpine con il velcro! E non pretendo che mio figlio impari ad allacciarsi le scarpe per forza prima dell'inizio della scuola primaria. Anche perchè sono contenta che lui sia già in grado di vestirsi, svestirsi, andare in bagno da solo. Io la scarpina l'ho fatta e lui sa che è un gioco. Se impara: ok. Se non impara entro i 6 anni: ok lo stesso :-)

      Elimina
  2. Brava. La strada verso l'autonomia è resa interessante in questo modo giocoso!
    Ne avevamo un paio anche in classe prima, ogni volta che mi ricapitava: con la moda degli "strap" che facilitano la vita (soprattutto degli adulti) tanti bimbi arrivano a sei anni non sapendo allacciarsi le scarpe. In questo modo ci giocano e imparano infrettissimissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti saprò dire Sandra. So che ogni bimbo ha i suoi tempi. Alcuni riescono a fare alcune cose prima di altri mentre non sono bravi per nienti in altro. L'importante è provarci no? :-)
      E naturalmente che sia fatto giocando!

      Elimina
  3. Sì, come dice Sandra, ora ci sono le chiusure a strappo che sono indubbiamente comodissime per i bambini piccoli, però prima o poi il momento di imparare ad allacciarsi anche altri tipi di scarpa arriva. Puntare sull'autonomia del vestirsi e svestirsi da soli è una tappa fondamentale ed è vero che, come tu hai scritto, queste piccole conquiste sono molto gratificanti per i bambini. Quindi le belle finte-scarpine che hai realizzato saranno utilissime a Topastro ed ai suoi amici per imparare a fare i fiocchi divertendosi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Ninfa: quasi tutte le scarpe da bimbo hanno gli strappi al posto dei lacci. Topastro quando riesce a fare qualcosa di nuovo è molto contento! Per ora la scarpina gli piace e si diverte ma se non dovesse riuscire ad imparare a fare i fiocchi entro breve... fa niente :-)
      Ogni bimbo ha i suoi tempi ma l'importante è provare!

      Elimina
  4. ottima idea!
    sai che si tratta di una vera e propria attività montessoriana?
    Hai voglia di raccontare questa attività in un post condiviso?Mi farebbe molto piacere ospitarti nella mia rubrica Montessori Moment!Fammi sapere!
    Ottimo modo per aiutare i piccoli a raggiugere la loro autonomia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie M.C.C.
      Si, conosco Montessori e gli strumenti usati nelle scuole che portano il suo nome. Avevo già parlato dei telai delle allacciature qui
      Mi piacerebbe scrivere un post per il tuo blog ma non voglio far promesse che non riesco a mantenere. Ho sempre pochissimo tempo e mille impegni :-(
      Se invece vuoi scrivere tu, fallo pure. Hai il permesso per prendere alcune delle immagini di questo post, (ti chiedo però di citare la fonte e di non copiare interamente il testo del mio post) :-)

      Elimina
  5. La questione dell'allacciatura delle scarpe l'ho affrontata l'ultimo anno di nido della mia Amelia. Le educatrici spronavano le famiglia ad aiutare i piccoli sulla strada dell'autonomia ed io ho provato ad insegnarle come allacciare le scarpe. Poi ho desistito ma non perché Amelia non fosse in grado di apprendere la tecnica ma perché non ero sostenuta da chi si occupava di lei al mattino e dalle educatrici del nido. Poi alla prima assemblea della scuola dell'infanzia ho scoperto che la maggior parte dei bambini arriva alla fine della scuola senza imparare ad allacciare le stringhe... Io ho imparato verso i tre anni...
    mi chiedo se l'invenzione del velcro non sia una buona scusa per noi genitori per non dedicare molto e molto tempo alle stringhe ;-)
    Comunque imparano tutti, prima o poi e questa è una grande consolazione :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nora, premesso che tutti i bimbi sono diversi, forse tre anni sono pochi per avere la manualità necessaria a incrociare i lacci, tirare... Come dici tu: la maggior parte di bimbi della scuola infanzia, (3-6 anni), non sa allacciarsi le scarpe. Penso che le scarpine con gli strappi siano comode, sia per i genitori che per i bimbi ma, come vedi, se una mamma ha voglia di insegnare al proprio bimbo a fare nodi e fiocchi si può usare una scarpina finta, oppure un supporto con un nastro... A tre anni tu sei stata davvero brava e comunque la penso come te: anche io mio figlio imparerà quando sarà il suo momento :-)

      Elimina
    2. Per la verità non sono stata brava... ai miei non c'erano le scarpe con il velcro! Comunque dare la possibilità ai nostri bimbi di imparare giocando è una cosa molto buona e le tue scarpine sono molto carine :-)

      Elimina
  6. Sei allucinante....guarda cosa si è inventata per insegnare al Topastro ad allacciarsi le scarpe....heheeheheh bellissima idea!
    Fabiola ormai a 8 anni è veterana e fa tutto da sola assolutamente da molto ( i fiocchi alle scarpe da un anno e un po')
    Diego con i suoi 6 fatti da poco ancora i fiocchi non li sa fare...ahi ahi ahi! Tutto il resto anche lui da almeno due anni.
    Ti vorrei confermare che alle elementari nessuno aiuta i bimbi a vestirsi e svestirsi e tantomeno (giammai!) li aiutano in bagno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. BiancaneveRossa: non le ho mica inventate io le scarpine finte :-)
      I teleai delle allacciature, (semplici e montati su telari quadrati), sono uno dei tanti strumenti usati da Maria Montessori. Io ho solo reso più carino il nostro gioco :-)
      Sono sicura che anche il tuo Diego imparerà. Io sto sfruttando la curiosità di Topastro. In estate ha imparato a fare i nodi e in casa annoda corde, nastri... Prepara anche trappole in camera sua incrociando piccoli pezzi di corde di ogni tipo :D
      Comunque ti saprò dire quando imparerà. Per ora nessun risultato...

      Elimina
  7. Come sempre ottimi tutorial... pensa che l'ho vista simile in un negozio di didattica ed ero tentata di prenderla per usarla fra un po'... poi ho detto tra me e me (bella speranzosa) ma da qui a quando il cucciolo impara a fare le gassine io sarò una maga della macchina da cucire.... ci credo poco... ma ci spero ;)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MissMeletta!!! Ma non devi essere una maga della macchina da cucire. Guarda che la scarpina che ho fatto necessita di una sola cucitura per chiudere il calzino che ho tagliato e infilato attorno al pezzo di tappetino di gomma! Cucito a mano. E pochi altri punti per fissare la finta pelle, sempre a mano. Promettimi che provi a farne una :-)

      Elimina
  8. bravissima, attenta e supercreativa come sempre :)
    noi abbiamo due libretti con le stringhe e devo dire che eSSe mi hastupito e un giorno mi ha portato tutta orgogliosa il nastro con un bel fiocco che a lei interessa fare per giocare con le bambole ;) o per i suoi vestiti. Le ho chiesto di farmi vedere come ha fatto e ci ha messo tanto tanto ingegno ma le manine hanno bisogno di pratica :) ci dobbiamo allenare tanto :)
    anche qui prove di autonomia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cì, ma sai che ci avevo pensato?! Che le femminucce, spinte dalla voglia di vestire le proprie bambole o di mettere fiocchi alle bambole sono più incentivate a imparare ad creare fiocchi? :-)
      Comunque concordo con te: serve un bel po' di allenamento perchè i movimenti da fare sono tanti, intrecciati e diversi...

      Elimina
    2. Ti ho linkata nel mio VdL di oggi :)
      http://ilmondodici.blogspot.it/2012/11/venerdi-del-libro-libri-per-imparare-ad.html
      Le piccole manine avranno più modi per fare pratica...

      Elimina
    3. Grazie Cì! Aggiungo il tuo link in fondo al post!

      Elimina
  9. bellissima :)
    io sto cercando di insegnargli ora a pulirsi da solo e a vestirsi/svestirsi anche se lui è pigro e ad esempio mette solo i pantaloni e le scarpe, ma è già qualcosa verso l'autonomia, so che ci vuole tempo e infatti li ha ancora 4 anni e conoscendolo ho iniziato presto, mi becco qualche no e qualche urlo ma va bene così :)
    stavo pensando da tempo al telaio per imparare ad allacciare le scarpe, anche se io compro solo quelle col velcro, imparare non fa mai male!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stardancer, anche Topastro è pigro e quando ho iniziato a lassciarlo fare da solo non puoi immaginare che scenette: mamma, non ce la faccio, la maglia non entra, i pantaloni non salgono :-D
      Però è giusto che piano piano imparino a fare da soli, non importa se ci impiegano un anno per imparare :-)

      Elimina
    2. Il punto non è che ci mettono troppo, fosse quello non mi preoccuperei, è che ogni volta che non riesce in qualcosa sono urla disumane come se lo stessimo uccidendo. Poi io da una parte cerco di insegnargli a fare da solo, il padre per fare prima lo aiuta e quindi a volte è lavoro doppio per me che devo ricordare anche al padre di lasciarlo fare da solo e non aiutarlo, poi lui si arrabbia perchè è abituato al padre che lo aiuta e mi arrabbio anch'io, vabbè prima o poi cresceranno :P

      Elimina
    3. Stardancer: è tutto nella norma! Ogni bimbo è diverso dall'altro e c'è chi urla perchè non riesce a fare una cosa e chi perchè perde, (Topastro).
      Noi mamme per fortuna abbiamo tanta tanta pazienza

      Elimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.