venerdì 30 agosto 2013

Venerdì del libro: La Scuola di Pirati 1

Buongiorno a tutti, oggi partecipo al venerdì del libro di HomeMadeMamma con una storia di pirati! Samuele, come me, ama i libri e siamo sempre alla ricerca di nuove interessanti storie da leggere. Recentemente un'amica mi ha suggerito una serie di libri di avventure sui pirati: La Scuola dei Pirati. L'autore è Sir Steve Stevenson, (Mario Pasqualotto). 
Non conoscevo questa serie di libri e neppure l'autore che, dopo una ricerca in rete, ho scoperto essere più di uno scrittore: "ha lavorato per più di un decennio nell’editoria dei giochi di ruolo in Italia e Inghilterra, curando oltre cinquanta pubblicazioni... Ha svolto numerose attività di insegnamento e laboratorio per la facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Bologna... Ora è impegnato interamente sul fronte della narrativa per ragazzi e della didattica creativa per avvicinare i giovani a qualsiasi forma di linguaggio capace di arricchire l’esperienza individuale.
Autore di diverse serie di libri, non solo sui pirati, (in rete mi sono imbattuta nella serie di gialli Agatha Mistery.
Ma torniamo ai pirati! La Scuola dei Pirati è composta di 12 libri ed un manuale. Io ho acquistato i primi tre libri e il manuale, (che però potevo evitare di comprare). Complice il virus che ha colpito Topastro abbiamo già finito di leggere il primo libro: Lo scoglio delle meduse ISBN: 9788841849323
Premetto che a me piacciono libri molto particolari come possono esserlo quelli con illustrazioni stupende da ammirare o particolari, storie un po' diverse dal solito, (insomma adoro il Gruffalo, Un libro, Nel paese delle pulcette, L'omino della pioggia, Il mostro peloso, Dov'è la mia mamma, Racconti InCanti...), e forse non sono neppure abituata a leggere libri per bimbi dai 6 anni in sù. Il mio giudizio su questo libro è: molto carino! Che non vuole dire che non sia bello, mi è piaciuto, ma non è scattata nessuna scintilla A Topastro è piaciuto molto. 
Su IBS questo libro viene indicato come adatto a bambini dai 7 anni e in effetti la storia è lunga quindi bisogna già essere in grado di prestare attenzione per lungo tempo, per elaborare alcune parti come il consiglio di Capitan Amaca: "non fidatevi mai delle parole di un pirata!" Il libro è anche ricco di parole che possono essere sconosciute ad un bimbo di 6 anni come Topastro, ad esempio: raggianti, argani, sconcertati, ghignante, sormontava, rampino, confabularono, tornanti, planava, avventarsi, famelici, combriccola, ignorare, melma, ... Questo a me è parso molto bello perchè capita che le storie per bambini siano scritte in linguaggio semplice che non stimola quindi l'apprendimento di nuovi termini, nuove scoperte. Nel libro si parla di vulcani, zolfo, geyser, (senza però approfondire). E ancora: la bussola, come costruire un ponte di corde...
Simpatico anche l'insieme ovvero il fatto che il libro sia la storia di cinque ragazzini di diverso sesso, nazionalità e carattere che vogliono diventare pirati. Ogni personaggio metterà a disposizione le proprie competenze, la propria superbia o faciloneria per raggiungere l'obiettivo finale che sarà conquistato solo dopo aver superato molte prove avventurose.
Il giudizio è positivo e Topastro non vede l'ora di leggere il secondo libro della serie! Dimenticavo: il libro contiene anche parecchie illustrazioni molto carine, (Stefano Turconi), che sicuramente per un bimbo di 6 anni abituato a libri in cui la storia è quasi completamente illustrata, contribuiscono a far apprezzare di più il libro.
Un altro libro sui pirati, adatto a bimbi più piccoli, è Ferruccio e l'arrembaggio. Qui invece una board dedicata a ricette, giochi, canzoni, travestimenti e altro sul tema pirati.

8 commenti:

  1. per il nano è ancora presto ma sono d'accordo con te sul fatto che un pò di vocaboli complessi e sconosciuti nei libri per bambini ci vogliono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mamma Avvocato, se il tuo bimbo non è proprio piccino piccino, non ricordo l'età, puoi leggergli Ferruccio e l'arrembaggio :-)

      Elimina
  2. ti ringrazio molto, perché noi in famiglia siamo lettori appassionati...di molti generi, e sto cercando nuove letture anche da proporre al mio nipotino settenne...credo proprio che andrò presto in cerca di queste tue proposte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carla, grazie per essere passata di qui. Per un bimbo di sette anni penso che questi libri siano perfetti!

      Elimina
  3. Carino :) Noi invece abbiamo appena letto "Il Mago di Oz" nella serie di Geronomo Stilton e mi sono stupita per come Pì lo abbia seguito con attenzione, nonostante sia indicato per bimbi più grandi e non sia completamente illustrato, mi ripeteva tutto e il giorno dopo era ansioso di leggere una "nuova puntata" e prima mi ripeteva cosa era successo prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao MissMeletta... caspita! Forse il tuo bimbo è così attento e interessato anche se un racconto è lungo e senza illustrazioni perchè è abituato ad ascoltare storie e a leggere insieme a te :-)
      Una sera, diverso tempo fa, non avevo voglia di leggere storie per bimbi piccini e ho detto al mio bimbo che potevo leggergli solo un libro per bimbi più grandi, "Il piccolo principe", e lui: sì. Dopo 30 minuti gli ho dovuto dire che non ce la facevo più. Lui invece attentissimo e continuava a dire: e poi? e poi^ :-D
      Che bello avere bimbi che apprezzano la lettura e le storie! Peccato che la sera spesso siamo stanchi perchè vorrei provare a leggergli un libro per grandi grandi, ad esempio Viaggio al centro della terra!
      sai che Il mago di Oz è stato il tema del centro estivo di questa estate? A Samuele è piaciuto!

      Elimina
  4. Mi sembrano davvero carini questi libri sui pirati... quasi, quasi ne prendo uno per il compleanno di Anna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Monica, sono molto carini! Sono numerati ed il primo, che narra di come i ragazzi riescono ad arrivare alla scuola dei pirati, è "Lo scoglio delle meduse".

      Elimina

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.