martedì 13 dicembre 2016

Santarcangelo: poesia e luminarie natalizie

Ieri sera finalmente son riuscita a fare un breve giro per le vie del centro storico di Santarcangelo e a scattare qualche immagine nei pochi minuti a mia disposizione. Fateci un giro se potete, ne vale veramente la pena!
E‘ mònd l’è bèl: u n bsògna avilèis mai,
e‘ basta un furminènt a zènd e‘ fugh
Tonino Guerra
(Il mondo è bello: non bisogna avvilirsi mai, basta un fiammifero per accendere il fuoco)
Dal volti
par fe Nadel
e basta l'udour
d'un mandaroin
Annalisa Teodorani
(A volte per fare Natale basta l'odore del mandarino)
Stasèira
Ò voia d’arcurdè
L’udour dla nèiva
E al préim froffli
Inzèrti te zil
Cumè di gazott furistir
Chi vén ènca da néun
Nino Pedretti
(Stasera ho voglia di ricordare l’odore della neve e i primi fiocchi incerti nel cielo, come uccelli forestieri giunti anche da noi)
Santarcànzal,
una culóina.
Qunt ta t svégg
a la matóina
e ta t’afàz
ma la finestra
u t poér sempra
ch’séa festa.
Giuliana Rocchi
(Santarcangelo, una collina. Quando ti svegli la mattina e ti affacci alla finestra ti pare sempre che sia festa.)
NADEL
Ch'un avnéss mai Nadèl,
i lòmm, la bòba, al machini, la zénta,
ch'un s pasda invéll,
Raffaello Baldini
(NATALE. Non venisse mai Natale, le luci, il chiasso, le macchine, la gente, che non si passa da nessuna parte,)
Non sono bellissime? Installazioni costituite da arcate luminose che riportano scritte augurali, solidali o comunque inerenti al periodo natalizio tratte dalle poesie dei nostri poeti locali: Tonino Guerra, Raffaello Baldini, Nino Pedretti, Gianni Fucci, Giuliana Rocchi e Annalisa Teodorani.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.