lunedì 21 novembre 2016

Parchi gioco inclusivi

Due post molto interessanti sulle aree gioco inclusive:

Intervento C.E.R.P.A. al Convegno Aree Verdi Attrezzate: sicure, stimolanti, inclusive
Venerdì 18 novembre 2016 si è tenuto a Grado il convegno "Aree verdi attrezzate: sicure, stimolanti, inclusive". Questo l'intervento del CERPA Italia Onlus. Il C.E.R.P.A. è il Centro Europeo di Promozione e Ricerca dell’Accessibilità, è un’associazione Onlus che ha lo scopo di promuovere la cultura dell’inclusione sociale al fine di migliorare la qualità di vita, l’accessibilità, fruibilità e usabilità degli ambienti… Il C.E.R.P.A. è presente sul nostro territorio grazie a dei centri regionali, (CRIBA Emilia Romagna, CRIBA Friuli Venezia Giulia, CRID Toscana, Cooperativa sociale Independent L., CpA - Centro per l'Autonomia Umbro).
Inclusione e benessere ambientale dovremmo poterli trovare anche al parco giochi, in un parco giochi inclusivo! Cos'è un parco giochi inclusivo? Ad oggi non esiste una definizione ufficiale ma possiamo descrivere questo tipo di area giochi come un luogo dove tutti i bambini possono giocare insieme, (non bambini normodotati da un lato e disabili dall'altro). Un parco privo di barriere architettoniche dove sono installati giochi il più possibile accessibili e fruibili da parte di tutti i bambini. Bambini che possono correre, bambini che usano la carrozzina, bambini ipovedenti, bambini con disabilità motoria lieve e bambini che amano saltare come grilli.


Storia dei parchi gioco inclusivi in Italia e sviluppo futuro
Una decina di anni fa in Italia nessuno conosceva i parchi gioco inclusivi, probabilmente ne esistevano 2/3 su tutto il territorio ed erano già presenti alcune altalene per carrozzine. Si trattava però di casi del tutto isolati e sconosciuti alla maggioranza della popolazione.
Le aziende che si occupavano del tema erano pochissime, parliamo di 2/3 al massimo, ma quasi nessuna pubblicizzava strutture gioco adatte anche a bambini con disabilità.
In questi ultimi 3 anni circa, (tra il 2013 e 2014), l'attenzione verso questo tipo di area gioco è cresciuta, lentamente ma in maniera costante e oggi quasi tutte le aziende che producono e/o vendono giochi per esterno hanno una sezione del loro sito dedicata ai "giochi inclusivi" o "giochi per disabili".
Nel giro di pochi anni si è verificato un grandissimo cambiamento: siamo passati da una situazione di totale disinteresse verso il parco inclusivo a una gara a chi ha il catalogo più ricco di giochi accessibili e fruibili a tutti.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.