venerdì 12 maggio 2017

Cesenatico, parole al cartoccio 2017

Buongiorno amici, un post veloce per condividere con voi qualche immagine e video di un paio di eventi del festival Parole al Cartoccio - Cartamarea Libreria Indipendente. Cartamarea è la mia piccola libreria del cuore e si trova a Cesenatico, uno spazio speciale, intimo e familiare. Entri e ti senti a casa, le libraie ti offrono un the, tirano fuori dalle scatole appena arrivate libri che devi leggere e poi si chiacchiera, ci si confronta, ci si incontra la sera per parlare di libri belli che sono diventati speciali per qualcuno.
Da tre anni in maggio Cartamarea organizza il festival Parole al Cartoccio che è occasione per bambini, ragazzi ed adulti di incontrare autori, scoprire come nascono i libri, come è nata la storia di un libro, perché son state usate proprio quelle parole, occasione per fare domande a chi ha scritto e illustrato. Io, come sempre presa da tanti impegni, son riuscita a partecipare già a tre incontri e quindi son davvero felicissima!  
Mercoledì sera, 10 maggio,  S.O.S. Emergenza lettura, signor editore cosa ci proponi? Incontro-dibattito fra genitori, educatori e addetti ai lavori e aggiornamento sulle nuove proposte della letteratura per l’infanzia da 0 a 14 anni. Con gli editor Angela Catrani, Lodovica Cima, Gabriele Clima e Beniamino Sidoti. Si è parlato del ruolo dell'editor, della progettazione dal basso, (che avviene stando a contatto con gli utenti finali, in questo caso i bambini), e dall'alto, (quella che si basa sulle statistiche, sui trend, che tiene conto del momento in cui viviamo). Un incontro molto interessante che ha permesso ai partecipanti di scoprire quanto è bello, complicato e ampio il lavoro delle persone che si occupano di libri per bambini e ragazzi,
Giovedì 10 maggio l'autore Gabriele Clima ha presentato uno dei suoi ultimi libri "Continua a Camminare" di cui vi ho parlato nel precedente post. Ero davvero curiosa di ascoltare dalle sue parole come questo libro fosse nato, cosa volesse trasmettere a tutti i ragazzi che prenderanno in mano questo racconto così difficile, per me, da digerire. Gabriele è davvero una bellissima persona e ha raccontato con semplicità la bellezza che abita ogni bambino, il desiderio di trovare il bello, ciò che permette loro di stare. 
Queste son le parole che mi son rimaste: bellezza e speranza. Una presentazione ai limiti della lacrimuccia, perché la storia non racconta fatti piacevoli, illustra la guerra, scene di bambini che dovrebbero giocare, andare a scuola, ridere e saltare spensierati. Non posso smettere di pensare alla speranza con cui vive Abu Malek che salva i libri scovati tra le macerie delle case crollate sotto le bombe e li riporta alla luce perché qualcuno possa leggerli e neppure la paura di una bambina che cammina da sola nel deserto perché il suo amore e fiducia nel fratello sono quasi infiniti e lui le ha assicurato che morire per la gloria di Dio è bello.
Leggetelo, davvero, pensando ai bambini, alla loro innocenza e fiducia nel prossimo. Mi è piaciuto ascoltare Gabriele che ha spiegato la profondità con la quale sono state costruite alcune scene, immagini e parti del libro, è davvero meraviglioso scoprire quanto ci sia dietro a un volume di poco più di 150 pagine, chissà quante volte è stato letto, modificato, messo in discussione! E non mi ero resa conto che nel libro la divinità viene chiamata Dio... Dio e Allah, per Gabriele Clima, sono la stessa cosa; utilizzare la parola Dio è un modo per abbattere le differenze culturali e religiose che noi italiani facciamo così fatica ad azzerare.
In fondo al post c'è un video che contiene alcune parti della presentazione, guardatelo, se volete scoprire qualcosa in più. A seguire "Un cartoccio di parole: empatia", Bacchilega Junior ed. un'antologia a sostegno del progetto Parole al Cartoccio con tutti gli autori del festival! Gabriele Clima, Antonio Ferrara, Beatrice Masella, Elisa Mazzoli, Filippo Mittino, Pino Pace, Cristina Petit, Beniamino Sidoti, Sualzo, Silvia Vecchini, Lodovica Cima e qualcun altro che sicuramente ho dimenticato strada facendo. 
Che emozione trovarsi nella stessa stanza con tanti autori, illustratori, creatori di storie e disegni che rallegrano le nostre giornate. Sono persone speciali, che entrano nelle nostre case senza farsi vedere e ci fanno emozionare con le loro storie ed illustrazioni, hanno un grande dono e non si può non essere emozionati mentre si ascoltano i loro racconti. Mi ha colpito piacevolmente l'atmosfera familiare, la disponibilità a stare al gioco, a coinvolgere i partecipanti.
Del libro che dire? Davvero una bellissima idea! Un piccolo volume che contiene brevi storie regalate dagli autori che partecipano al festival, tutte legate da una parola scelta per quest'anno: empatia. Naturalmente ne ho presa una copia e ho chiesto a tutti gli autori di autografarmela in ricordo di una giornata di immersione nel mondo dei libri.
Il tempo è finito, è ora di prepararsi per andare in ufficio, il lavoro chiama ma io oggi vado in ufficio con il sorriso stampato dentro, con il suono delle risate di ieri, con le immagini di tante storie che si mescolano tra loro: bambini che entrano in libreria, bambini che soffrono per i numeri 6, bambini che camminano nel deserto ragni cattivi e bambini che indossano le scarpe di mamma per capire cosa significa indossare i panni degli altri, cosa significa empatia.
Una parola importante che, come ha spiegato Filippo Mittino forse richiede studi lunghi e importanti per essere compresa oppure, semplicemente, un piccolo sforzo per capire i bisogni, emozioni e desideri di chi ci sta accanto. Altre immagini le trovate su facebook: Claudia - Cartamarea - Parole al Cartoccio 2017
Qualche ringraziamento speciale...
Grazie a Gabriele Clima per aver scritto "Continua a Camminare".
Grazie a Beniamino Sidoti e Marianna Cappelli che ci hanno deliziato con letture intense in grado di far scendere lacrime, (sia di tristezza/dolore che di allegria/spensieratezza).
Grazie alla piccola Clara e a Cristina Petit che hanno dato del filo da torcere ad Antonio Ferrara che, birichino!, non voleva rispondere alle domande di questa simpatica bimba.
Grazie ad Angela Catrani che ha provato a convincere Samuele a smettere di suonare il flauto, purtroppo non ci è riuscita.
Grazie alle libraie che sono MERAVIGLIOSE
Grazie a tutti gli autori che hanno trasportato tutti coloro che erano presenti agli incontri in un mondo magico per qualche ora perché i libri, le storie, le letture ad alta voce ti catturano e ti portano dentro al mondo costruito dagli autori e illustratori di libri!
Sabato 13 maggio un altro interessante e curioso incontro: Un libro per due. Elogio e stroncatura di uno dei libri più conosciuti della letteratura per ragazzi, acceso dibattito con Angela Catrani e Beniamino Sidoti, un incontro-scontro su "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare".
È stato proprio divertente ascoltare l'opinione di chi elogiava, e chi stroncava, uno dei libri che hanno letto praticamente quasi tutti. Tra l'altro non sapevo fosse uno dei libri più venduti in Italia. Un libro molto utilizzato nelle scuole, quasi tutti i bambini presenti all'incontro lo avevano letto a scuola con l'insegnante, molti avevano visto anche il film. 
Beniamino di questo libro ha sottolineato sopratutto il fatto che fosse pieno di retorica, di amore, solidarietà, generosità disinteressata e amicizia. Un libro troppo semplice, con pochi colpi di scena, un libro in cui sono presenti buoni e cattivi e a trionfare è il bene. 
Un libro che pare quasi voglia inculcare nei bambini i valori da seguire. A me Beniamino non mi ha convinto, io resto dell'opinione che sia un bel libro, l'ho letto tanti anni fa e mio figlio l'ha letto a scuola ah ah. 
Però devo spezzare una lancia a favore della "nostra maestra" che lo ha semplicemente utilizzato come strumento per il tema comprensione del testo. Il libro è stato letto, capitolo per capitolo e ai bambini sono state date delle schede per verificare se avessero o no compreso il capitolo.  Il momento lettura nella classe di Samuele non è mai mancato, la maestra ha sempre proposto libri interessanti ai bambini e Samuele, grandissimo ascoltatore, ha sempre apprezzato. Tante volte è tornato a casa e mi ha chiesto di comprare il libro che la maestra stava leggendo a scuola. 
La cosa più simpatica è che mai, proprio mai, la sua richiesta era accompagnata dal titolo del libro. Mica perché la maestra lo tenesse nascosto, semplicemente lui non lo chiedeva o non lo ricordava e quindi mi son sempre dovuta affidare al suo riassunto della storia per scoprire il titolo. 
Alcuni libri consigliati da Beniamino Sidoti:
- Oh, boy! - Marie-Aude Murail
- Il narratore - Saki 
Pippi Calzelunghe - Astrid Lindgren
- La magica medicina - Roald Dahl
- Gli sporcelli - Roald Dahl
- Il GGG - Roald Dahl
- Prosciutto e uova verdi - Dr. Seuss
Winnie Puh - A. A. Milne
- Fiabe, ad esempio Barbablù

Nessun commento:

Posta un commento

Commenti ANONIMI momentaneamente SOSPESI causa spam.